Campania

Orti sociali e Tipicheria: inaugurato “Ecomuseo Terra Felix”

 CASERTA. “E’ importante che ci siano iniziative del genere su questo territorio. Beni confiscati restituiti alla società e giovani che riescono ad impegnarsi a trovare anche risorse economiche e umane”.

Così il procuratore della Dda di Napoli, prossimo alla Procura di Reggio Calabria, Federico Cafiero De Raho, alla inaugurazione dell’Ecomuseo Terra Felix al Casale di Teverolaccio,a Succivo (Caserta). “Questo è un esempio – ha detto De Raho – in cui i giovani dal niente sono riusciti a recuperare un’attività”.

Ed è proprio pensando al suo imminente trasferimento in Calabria che il procuratore, commosso, visitando gli orti sociali e “Il giardino del Principe”, curati dai giovani di Legambiente Geofilos Succivo, parla di una “terra che risorge”.“E’meraviglioso quello che è avvenuto nel casertano, sono arrivato – continua De Raho – che la gente perbene aveva paura a pronunciare la parola camorra. Vado via con una situazione inversa. Spero che questo processo di recupero dei giovani che hanno investito sul proprio territorio avvenga anche a Reggio Calabria”.

Di riscatto del territorio e di beni comuni che debbano diventare patrimonio di tutti i cittadini, parla anche Valerio Taglione, in rappresentanza del Comitato Don Diana, partner, insieme alla Fondazione con il Sud, del progetto.

E dell’importanza di una “Tipicheria” presente in un territorio martoriato dalla criminalità anche dal punto di vista ambientale, parla Carlo Borgomeo, Fondazione con il Sud. “Attraverso la Tipicheria, il Giardino, i laboratori e gli orti – dice Borgomeo – si fa un’operazione contraria a quella che fa la camorra, cioè si ama la propria terra. Si ricava da quello che è in grado di produrre e dalle tradizioni artigianali. E’ importante che tutto questo non venga visto come una favola che teniamo in una campana di vetro – conclude il presidente della Fondazione con il Sud -, questo dovrebbe rappresentare un modello di sviluppo per il Mezzogiorno; non con grandi finanziamenti, ma facendo leva sulle energie locali”.

Di programmi didattici e salvaguardia dell’ambiente che si sono sviluppati all’interno del Casale parla anche Giovanni Romano, assessore regionale all’Ambiente. “Ho incontrato i comitati della Terra dei Fuochi – spiega Romano parlando dell’impegno della Regione per questi progetti – ci incontreremo con il prefetto Donato Cafagna nei prossimi giorni perché stiamo cercando di mettere a punto una strategia complessiva dove ognuno deve fare la propria parte, cittadini e istituzioni. Iniziative come questa – conclude – sono un segnale di speranza, ma non di arrivo”.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico