Trentola Ducenta

Roghi tossici, il Consiglio Comunale ospita il vescovo

 TRENTOLA DUCENTA. Grande partecipazione di pubblico è stata registrata al consiglio comunale aperto sul tema del risanamento ambientale, convocato su iniziativa del Sindaco di Trentola Ducenta, Michele Griffo, …

… e che ha visto la partecipazione di numerosi amministratori pubblici tra cui l’assessore provinciale all’Ambiente, Bidello, che ha fatto un intervento puntuale ed incisivo sulle tematiche all’ordine del giorno il sindaco di Aversa Giuseppe Sagliocco, il sindaco di San Marcellino, Carbone, il sindaco di Frignano, Piatto, l’assessore Tessitore in rappresentanza del sindaco di Parete, l’ex sindaco di parete Verrengia, l’ex sindaco di Lusciano, Verolla, il consigliere provinciale Falco, il consigliere Policarpio in rappresentanza del sindaco di Villa Literno, il presidente dell’Unione dei comuni Tessitore diversi amministratori dei comuni limitrofi e tante altre personalità tra cui la dirigente scolastica della locale scuola media, Luciana Di Caprio, il professor Palladino del Liceo Scientifico, i parroci Trentola e Ducenta, Marino e Di Caprio, il comandante della stazione dei carabinieri, Membrini, i rappresentanti di diverse associazioni locali, oltre naturalmente a tutti i consiglieri comunali di Trentola Ducenta.

Assente ingiustificato il dirigente scolastico del Circolo didattico di Trentola Ducenta. Ha assicurato la sua presenza per tutta la durata della seduta consiliare il vescovo di Aversa Monsignor Angelo Spinillo che, in più occasioni, ha denunciato lo stato di degrado e di inquinamento dei siti delle nostre zone soprattutto di quelli nelle zone di confine e ha posto l’attenzione sui roghi che puntualmente si sviluppano di notte rendendo l’aria irrespirabile.

Dopo una breve prolusione del presidente del Consiglio comunale, Eramo, che ha posto l’accento sull’efficacia dell’intervento del vescovo Spinillo che ha avuto come primo effetto la recente nomina del commissario anti roghi Cafagna, rappresentato per l’occasione dal tenente De Marco che ha portato anche i saluti del comandante provinciale dei carabinieri, il sindaco Griffo ha evidenziato la necessità di far sentire forte il grido di protesta e la richiesta di bonificare i tanti siti inquinati che circondano le nostre zone e che ci avvelenano quotidianamente.

“Innanzitutto, è doveroso un ringraziamento al vescovo Spinillo che si è tanto impegnato per la salvaguardia dei nostri territori e si è speso in prima persona per ottenere attenzione ed ascolto verso le nostre esigenze. Ritengo che sia giunto il momento di porre in essere una iniziativa forte e responsabile – ha affermato Griffo – affinché ci prestino ascolto e si avviino finalmente le opere di bonifica necessarie. Per questo motivo invito i dirigenti scolastici degli istituti di ogni ordine e grado presenti sul territorio comunale a far scrivere dai propri alunni una lettera con la quale si chieda a tutte le Istituzioni, a partire dal presidente della Parlamento europeo, Shultz, per finire ai presidenti di Regione e Provincia, di intervenire a salvaguardia della salute dei cittadini delle nostre terre. La speranza è che le Istituzioni siano sensibili almeno alle richieste dei bambini, visto che finora hanno lasciato inascoltate quelle dei sindaci. Una lettera che contenga una richiesta di aiuto e che rimarchi il diritto a vivere in un ambiente salubre ed a misura d’uomo. Siamo consci che la problematica ha diversi aspetti e coinvolge svariati interessi, per cui spesso ci interroghiamo sul comportamento da tenere e sulle iniziative da intraprendere consapevoli delle ripercussioni anche negative per i produttori delle nostre zone, ma la decisione finale non può prescindere dalla necessità di tutelare la salute dei cittadini e di impegnarsi per rimuovere la situazione di disastro ambientale che caratterizza l’agro aversano”.

Il sindaco ha, poi, ringraziato il prefetto, il questore, la magistratura e le forze dell’ordine che hanno portato e stanno portando avanti, ognuno per le proprie competenze, una lotta serrata nei confronti del crimine ambientale e contro gli sversamenti di rifiuti tossici e pericolosi. Griffo ha inoltre invitato il sindaco di Aversa a proseguire lungo la strada intrapresa di coordinamento dei comuni dell’Agro per rappresentare uniti all’esterno le proprie esigenze e le numerose difficoltà.

Diverse, poi, le proposte venute fuori dall’incontro tra cui quella del sindaco di Aversa, Sagliocco, che indicava nella provincializzazione del ciclo integrato dei rifiuti una possibile soluzione alle problematiche dello smaltimento dei rifiuti e soprattutto avrebbe posto un freno all’invalsa abitudine di utilizzare il nostro territorio come “pattumiera” di Napoli.

Particolarmente duro l’intervento dei sindaci di San Marcellino, di Frignano e dell’assessore Tessitore, cui si sono associati anche i consiglieri comunali di opposizione, Apicella e Picone, che hanno sottolineato la necessità di interventi improcrastinabili diretti alla bonifica dei terreni ed all’eliminazione delle fonti di inquinamento ambientale.

Tutti i sindaci, in chiusura seduta, hanno dato mandato a Griffo affinché si adoperi per l’ottenimento a breve di un incontro con il Commissario contro i roghi tossici per individuare azioni immediate per il ripristino della normalità nelle nostre zone. Il vescovo ha chiuso l’incontro sottolineando la necessità di scuotere le coscienze e di alimentare un maggiore sensibilità in materia ambientale principalmente a partire dai giovani.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico