Campania

Camorra, sotto controllo il patrimonio finanziario di 2300 condannati

 NAPOLI. In provincia di Napoli sono circa 2300 le persone condannate con sentenza definitiva o sottoposte a misure di prevenzione definitive per reati di camorra.

Sono i loro patrimoni che la Guardia di Finanza si accinge ad esaminare, grazie anche a una applicazione informatica all’avanguardia di cui le Fiamme gialle del comando provinciale dispongono da poche settimane. La strategia di attacco ai patrimoni criminali è stata illustrata dal comandante provinciale, generale Riccardo Rapanotti, nel corso di un incontro con i giornalisti.

La nuova applicazione consentirà di individuare attraverso il casellario giudiziario le persone condannate con sentenza definitiva o destinatarie di misure di prevenzione definitive. Questi soggetti, ha spiegato il generale, hanno l’obbligo di comunicare per dieci anni alla Guardia di Finanza le variazioni patrimoniali superiori a 10.000 euro, ma quasi nessuno ottempera.

Le Fiamme gialleposseggono ora uno strumento in più per analizzare quelle variazioni patrimoniali, molto spesso illecite. Un’altra arma a disposizione del comando provinciale, ha sottolineato ancora Rapanotti, è il gruppo per le investigazioni sulla criminalità economico-finanziaria, istituito di recente solo in tre città: Napoli, Roma e Milano.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico