Campania

4 Giornate di Napoli: irruzione dei disoccupati

 NAPOLI. Fischi che coprono il minuto di silenzio e il suono della fanfara dei carabinieri per ricordare le quattro giornate di Napoli e le persone morte per cacciare dalla città gli occupanti tedeschi.

Le proteste per il lavoro in città non si fermano neanche davanti alla commemorazione del 67° anniversario della liberazione di Napoli. A urlare “ladri, ladri” ai rappresentanti delle istituzioni presenti, sindaco De Magistris in testa, i disoccupati appartenenti alla sigla Cub, consorzio unico di bacino. I pochi senza lavoro, non hanno però impedito comunque di commemorare i caduti e ricordare il sacrifico dei napoletani simbolo della reazione al nazifascismo ed all’accesso delle forze alleate in città.

La giornata è iniziata con la deposizione della corona di fiori al mausoleo di Posillipo, poi in piazza Bovio ed alla fine in piazza Carità dove si trova il monumento a Salvo d’Acquisto il carabiniere simbolo della resistenza. Oltre al sindaco, erano presenti anche il prefetto, Andrea de Martino, il console Usa, Moore e le massime autorità politiche e militari. Alcuni dei circa trenta disoccupati aderenti alla sigla Cub, sono stati denunciati. Sono accusati di manifestazione non autorizzata e vilipendio alla bandiera.

VIDEO

a breve

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico