Napoli Prov.

Di Santo eletto presidente dell’Unione dei Comuni Atellani

Eugenio Di Santo GRICIGNANO. Il sindaco di Sant’Arpino Eugenio Di Santo è il nuovo presidente dell’Unione dei Comuni Atellani. E’ stato eletto, infatti, all’unanimità nel corso della riunione convocata sabato 17 febbraio nella sala consiliare del comune di Gricignano.

Un incontro atteso e fortemente voluto dai sindaci dei comuni dell’unione perché da troppo tempo l’organismo sovracomunale viveva una situazione di stallo non più sostenibile. Era, infatti, dall’uscita del comune di Orta di Atella che l’unione attraversava un momento di transizione di fatto acuìto dalla mancanza di un presidente. Di Santo, fin dall’inizio, in occasione degli incontri dei mesi scorsi, uno dei quali convocato proprio presso il Palazzo Ducale Sanchez de Luna, aveva sottolineato che la criticità rendeva non più rinviabile l’elezione e che la prolungata fase di stasi rischiava di compromettere la stessa esistenza dell’organismo atellano. E, proprio per evitare che l’immobilismo proseguisse, si era fatto promotore della richiesta di una convocazione urgente alla commissione straordinaria di Gricignano, capofila dell’unione. E la convocazione è arrivata. La riunione che si è svolta sabato scorso aveva lo scopo di avviare tutte le procedure per la discussione delle iniziative programmatiche da intraprendere per un effettivo e tangibile rilancio.

Presenti i rappresentanti dei cinque comuni: per Succivo il sindaco Antonio Tinto con i consiglieri Antonio D’Errico, Eduardo Dell’Aversana e Salvatore Di Santillo, per Frattaminore il sindaco Enzo Caso e il consigliere Giuseppe Del Prete, i tre commissari straordinari di Gricignano, per Cesa i consiglieri Domenico Migliaccio, Raffaele Bortone, Nicola Autiero e per Sant’Arpino, oltre al sindaco Di Santo, il presidente e il vicepresidente del consiglio comunale Antonio Guarino e Alberto Plazza e il capogruppo Ernesto Capasso.

Tutti i votanti sono stati d’accordo nel dichiarare che “Di Santo è stato scelto per la sua caparbietà, la sua ferma volontà nel rilanciare un organismo importante come l’unione che rischiava di essere seriamente compromesso. Fin dall’uscita del comune di Orta di Atella si è impegnato in prima persona nel richiedere la convocazione di una seduta con la quale eleggere un nuovo presidente perché, solo così, poteva essere colmato quel vuoto che di fatto ha contribuito all’immobilismo dei mesi scorsi. Da questo momento siamo certi che, grazie al nuovo presidente da noi scelto, e alla sinergia con la quale lavoreremo, potremo fare tanto per riportare alla ribalta le risorse del nostro territorio e per rendere l’unione un organismo in grado di rispondere alle esigenze di tutti i cittadini”.

“Sono orgoglioso di poter svolgere un ruolo così importante – dichiara Di Santo – e felice della fiducia che mi è stata accordata con questa elezione. Con la ricomposizione dell’organigramma e l’elaborazione di una nuova proposta programmatica rilanceremo concretamente l’attività di un ente la cui costituzione risponde ad un bisogno forte del nostro territorio che, sebbene diviso in più municipalità, presenta non poche problematiche in comune. Da questo momento comincia una nuova fase che ci lascia alle spalle l’inattività degli ultimi tempi e che ci vedrà lavorare per far proseguire questa importante esperienza istituzionale, politica e culturale e per valorizzare le grandi risorse che abbiamo sul nostro territorio. E’ arrivato il momento che tutti insieme ci adoperiamo per un rilancio concreto dell’unione dei comuni. Ritornare a lavorare in sinergia – conclude Di Santo – ci rafforzerà perché la voce di un ente che raccoglie migliaia di cittadini è sicuramente più forte di quella di un singolo centro”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico