Matese

Armi, sequestri e denunce nel Matesino

 MATESE. Nell’ambito di una vasta operazione portata a termine nel fine settimana dai Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, otto persone sono finite nei guai per vari reati e illeciti amministrativi.

Sotto sequestro anche un fucile calibro 12 e oltre quattro quintali di prodotti alimentari. Ad agire i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Piedimonte, e delle Stazioni di Alvignano e Alife. A Piedimonte Matese, A.G., 50enne del luogo, è finito in manette in esecuzione di un ordine di carcerazione agli arresti domiciliari per minaccia aggravata, porto illegale di armi e altri reati contro la persona ed il patrimonio commessi tra il 2005 e 2006.

Ad Alife, una donna, M.L., 32enne del posto, dovrà invece rispondere del reato di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del Giudice. In pratica si sarebbe disfatta di un veicolo che era stato sottoposto a pignoramento da parte del Giudice della Sezione distaccata del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere con sede in Piedimonte Matese.

Sempre ad Alife, C.T., 60enne del luogo, è finito invece nei guai per detenzione abusiva di armi. L’uomo è stato trovato in possesso presso la sua abitazione, di un fucile calibro 12, che risultava non essere stato mai denunciato per la regolare detenzione alle competenti Autorità. L’arma è stata sottoposta a sequestro.

Ancora ad Alife, presso il locale mercato settimanale, a carico di un commerciante ambulante, C.N., 35enne di Napoli, è stato operato il sequestro di oltre quattro quintali di prodotti ortofrutticoli messi in vendita in assenza delle prescritte autorizzazioni amministrative e sanitarie, mentre nei confronti del titolare di un esercizio commerciale di Sant’Angelo d’Alife è stata emessa una sanzione amministrativa per violazione ad una ordinanza comunale.

Infine, tra Piedimonte Matese ed Alvignano, sono state emesse tre misure di prevenzione nei confronti di altrettante persone con a carico vari precedenti per reati contro la persona ed il patrimonio, nonché in materia di armi e stupefacenti.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico