Aversa

Nuovo piano parcheggi, Oliva: “Di male in peggio”

Strisce BluAVERSA. Il Comitato Strisce Blu contesta il nuovo piano parcheggi varato dalla giunta comunale con la delibera numero 46 dell’8 febbraio 2012.

Oggetto della “contestazione”, ufficializzata al sindaco, all’assessore al ramo, ai dirigenti del settore, alla procura della Corte dei Conti e al prefetto di Caserta da Giuseppe Oliva, responsabile del comitato civico, è il piano in generale e alcuni punti particolari relativi al numero degli stalli di sosta e al sistema che si intenderebbe adottare per garantire il parcheggio ai residenti, oggi possibile gratuitamente in stalli di colore giallo loro riservati. grazie all’esposizione di una apposita autorizzazione.

“Leggendo la delibera del nuovo piano parcheggi – scrive Oliva in una nota stampa che comunica la trasmissione di tutte le osservazioni fatte dal comitato ai responsabili municipali e agli organi di controllo – ci si rende conto che il nuovo é peggiore del precedente”. “Infatti – prosegue la nota – ci sono 700 nuove strisce blu in più, grazie anche alla cancellazione delle strisce gialle riservate al parcheggio gratuito per i residenti”.

“Quanto ai residenti per loro – continua la nota – niente più parcheggio gratis ma abbonamenti annui dal costo di 20 euro, concedibili nel numero di uno solo per nucleo familiare a patto di aver pagato la Tarsu”. “Un tributo che – ricorda Oliva che in proposito ha interessato la Procura della Corte dei Conti – è dovuto anche dalla società gestrice del servizio di sosta a pagamento per un importo di 200 mila euro ma che, ad oggi, l’Amministrazione non ha ancora provveduto ad incassare”.

“Se non si interverrà in tempo, modificando il contenuto della delibera, ritengo – continua il vice presidente del comitato nazionale Strisce Blu Italia – si profili una nuova stagione di denunce e ricorsi”. “A breve – conclude la nota – renderò pubblici i nomi di coloro che erano in giunta e hanno firmato il nuovo piano, cosicché alle prossime elezioni i cittadini elettori possano fare una scelta consapevole”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico