Aversa

Elezioni, i “paletti” delle liste civiche

Michele GalluccioAVERSA. Castaldo che nella sua lista di Democrazia e Territorio non candiderà chi ha amministrato negli ultimi dieci anni, Galluccio che vuole quali partecipanti alle primarie solo persone che hanno ricoperto cariche istituzionali negli ultimi dieci anni con il centrodestra, …

Scaringia che afferma che non c’è posto per Galluccio e Della Valle nella lista di “Aversa Più”. Si avvicinano le elezioni amministrative e si iniziano a sentire, come prassi, notizie di ogni tipo, anche quelle che rasentano l’assurdo con l’intenzione di convincere gli “sprovveduti” elettori. Vediamo, una ad una le singole affermazioni, iniziando con l’avvocato Castaldo che, se mantenesse fede ai propri impegni, dovrebbe essere il primo a non trovare posto nella sua lista, considerato che in questi dieci anni ha ricoperto la carica di assessore nella prima giunta guidata dall’attuale sindaco Mimmo Ciaramella, anche se, pare sia andato via, all’epoca, sbattendo la porta.

Galluccio, nella sua “illusione di giustizia”, vorrebbe limitare le primarie del centrodestra (semmai si faranno) a quelle sole persone che abbiano ricoperto cariche istituzionali in rappresentanza della coalizione. Una richiesta che fa sorridere, perché non si capisce come vietare ad un personaggio della società civile di candidarsi, soprattutto se supportato da un nutrito numero di firme di presentatori.

Per quanto riguarda, infine, l’inopportunità di candidare Galluccio e Della Valle nella lista “Aversa Più”, non si può non sorridere. I due ex esponenti di Alleanza Nazionale sono tra i maggiori sostenitori di Giampaolo Dello Vicario, ispiratore della lista “Aversa Più”, per cui, non farli candidare in quella lista, ma in quella del Pdl, significa solo far transitare due sicuri consiglieri in una lista collegata per poi ritrovarseli in Consiglio.

E siamo solo all’inizio, le liste non ci sono ancora. Figuriamoci dopo…

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico