Aversa

Differenziata, Sel a Luciano: “Perchè si è perso tanto tempo?

Pasquale MorraAVERSA. “Mi stupisce la reazione tanto risentita dell’assessore Luciano alla mia interrogazione circa i dati ufficiali della raccolta differenziata a tutto il 31 dicembre 2011”.

Non ci sta Pasquale Morra, consigliere comunale di Sel, alle accuse di Luciano Luciano di voler dare vita ad una campagna elettorale dei vendoliani fondata sui rifiuti. Affermazione giunta dopo le critiche dello stesso Morra.

“Certamente – dice l’esponente di Sel – bisogna dare atto all’assessore che Aversa è più pulita e la differenziata comincia a decollare, ma affermare che Sel abbia il dente avvelenato perché i risultati ottenuti dall’amministrazione sono tali da non consentire a Sinistra Ecologia e Libertà di impostare la propria campagna elettorale su questo argomento, mi pare eccessivo. Sono sicuramente tante le problematiche da affrontare e tra queste, perché no , anche la differenziata che va sicuramente meglio organizzata. D’altronde, non può dire che la mia interrogazione sia pretestuosa. Eravamo certi che ,essendo la differenziata iniziata solo a giugno 2011, non si sarebbe potuto raggiungere il 50%, e lo abbiamo anche sottolineato a settembre 2011 in Consiglio comunale, in occasione dell’approvazione del bilancio”.

“Il problema – aggiunge Morra – è proprio questo: perché si è partiti con tanto ritardo? Più volte e da anni partiti e associazioni hanno sollecitato l’amministrazione affinchési avviasse la differenziata, ricordo ci fu anche un apposito Consiglio comunale aperto (era il periodo dell’emergenza), ma senza ottenere risposte concrete. Credo che i cittadini e un consigliere comunale abbiano il diritto/dovere di conoscere e chiedere i dati ufficiali, tra l’altro ad oggi non ancora ufficializzati”.

“Non puntiamo il dito – conclude il consigliere vendoliano – su come funzioni la differenziata, è chiaro che va migliorata ed estesa a tutta la città, ma sul perché si sia perso tanto tempo, purtroppo facendo ricadere sui cittadini i costi di questi ritardi”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico