Aversa

Ambito C3, Capasso: “Basta col fare la guerra sulla pelle dei più deboli”

Rosario CapassoAVERSA. “Nonostante la rilevanza assistenziale dell’ambito C3, si continua a palleggiare sulla pelle degli indigenti, dei diversamente abili e di tutti coloro hanno davvero bisogno di aiuto”.

Lo afferma il consigliere comunale indipendente Rosario Capasso. “Purtroppo, – continua Capasso – non è bastata a chiarire la diatriba la sentenza del Tar Campania (che ha respinto per mancanza d’interesse il ricorso del Comune di Succivo), su chi dovesse essere il comune capofila dell’ambito C3, Succivo o Casaluce. Sentenza, in asse per la verità con quanto già deliberato della Regione Campania con delibera numero 831 del 30 dicembre 2011, con la quale si indicava che il comune di Casaluce doveva essere il nuovo comune capofila. Eppure ancora oggi si registra una mancanza di consegna formale o sostanziale che possa dar vita ad nuovo corso dell’ambito sanitario C3”.

Secondo Capasso, “è impensabile che campanilismi sterili e formali possano di fatto pregiudicare gli utenti finali dell’ambito”, oltre al fatto che “il Comune di Aversa deve stare fuori dalle liti fra Comuni, anzi deve impegnarsi a far rispettare le decisioni della giustizia amministrativa e a fare osservare le indicazioni della Regione Campania”.

“Non è possibile pensare di fare la guerra sulla pelle dei più deboli. – conclude Capasso – Pertanto, vibro un profonda protesta affinché questa guerra giudiziaria cessi immediatamente e si salvaguardi solo ed esclusivamente l’interesse dei servizi di assistenza”.

Intanto, Capasso rilanciala sua personale iniziativa sul web: i cittadini che intendono segnalare problemi e far valere le proprie istanze possono rivolgersi a lui tramite la pagina Facebook http://www.facebook.com/pages/Rosario-Capasso/119759398126416

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico