Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Festa dell’Amicizia, i “Taranterrae” scuotono il parco Rodari

 CAPODRISE. Alla fine ballavano tutti. Domenica sera, al parco “Gianni Rodari” si respirava un’atmosfera fa festa popolare.

Complici le ansie percussive dei “Taranterrae”, la cui performance ha chiusola terza edizione della “Festa dell’Amicizia”, organizzata dal centro studi “Alcide De Gasperi”. Rispettando l’evoluzione etnico-culturale , il gruppo ha estrapolato i valori di ieri e di oggi, per poi riproporli con rime e melodie quanto più conformi agli stili del linguaggio musicale dell’epoca. La musica popolare, fa riferimento ad alcuni temi fondamentali della vita di tutti i giorni, quali le antitesi amore-odio, vita-morte, vergine -prostituta, binomi che all’occorrenza vengono ancora oggi adoperati nella rappresentazione del dramma fondamentale della cultura meridionale, la lotta tra il bene e il male. Tra gli stilemi che il gruppo presenta nelle sue rappresentazioni ci sono: la “Villanella”, la “Tammurriata”, la “Tarantella”, la “Fronna”, la “Moresca”, la “Pizzica”.

I giovani artisti, prevalentemente casertani, tra i quali anche Paola Pontillo che giocava in casa, animati da una forte passione per un linguaggio ed una musica che affonda le sue radici nella musica popolare, cioè nella nostra storia, si formano all’interno di un laboratorio, insito nell’accademia “L’Isola” di Caserta, ove periodicamente vengono ospitati sia personaggi famosi nell’ambito della musica popolare che testimoni viventi del grandissimo patrimonio canoro presente ancora oggi nelle diverse zone delle feste popolari. Questo ha garantito, anche a Capodrise, un’esecuzione dei brani, proposti nel proprio repertorio, più vicina alle forme di canto utilizzate nel mondo popolare e contadino. Inevitabili contaminazioni e prestiti tra generi, stili, aree geografiche, caratterizzano una musica popolare non archeologicamente intesa, bensì viva, garantendole una fruibilità, che è stata molto apprezzata dal pubblico. Prima dei “Taranterrae”, spazio ai talenti locali con il “Microfono è vostro”.

Tra le esibizioni hanno spiccato quelle di Rosa Argenziano e di Antonia Di Maio. Il comitato organizzatore della festa quest’anno si è avvalso della collaborazione della Camera di commercio, dell’agenzia “Agrisviluppo”, della Confartigianato, dell’Artigiancassa, della Coldiretti e del consorzio “Autoriparatori del Sud”. Parte integrante della manifestazione è stato il “Mercatino dell’Amicizia”, un ampio spazio del parco, attrezzato a stand, dedicato alla buona cucina e alla degustazione gratuita delle tipicità locali (Doc, Dop e Igt).

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico