Sant’Arpino

Arena (Pat): “Giusto e doveroso intitolare la piazza al tenente Macrì”

Elpidio ArenaSANT’ARPINO. Il cambio di nome dell’attuale piazza Umberto I°, che diventerà a breve piazza tenente Giuseppe Macrì, ha creato una polemica in paese tra chi è a favore e chi no.

Sull’argomento interviene Elpidio Arena, dell’associazione “Pat”, secondo cui è giusto e doveroso intitolare la piazza al tenente Macrì: “Mi sembra superfluo ed inutile ricordare le imprese del tenente, ma vorrei soffermarmi su tutte quelle vicende storico-sociali che lo mettono in relazione con il nostro paese e conseguentemente con i suoi cittadini. Nel lontano 1903 all’acquisto dell’attuale palazzo ducale, costato 14.500 lire e di proprietà dei Caracciolo, Giuseppe Macrì era un ex tenente militare divenuto agricoltore-commerciante in seguito alla pensione. Il nuovo lavoro gli permise fin da subito di instaurare un buonissimo rapporto con i cittadini santarpinesi ai quali lo legava un profondo senso di affetto e gratitudine. Un affetto che lo portava, ogni qual volta un santarpinese bussava alla sua porta in cerca di cibo e/o sostentamento, ad aiutarlo indipendentemente dal suo nome o dalla sua classe sociale. Era diventata opinione comune che chiunque bussasse alla porta del tenente non sarebbe andato via a mani vuote. Ora mi chiedo cosa spingeva una figura per certi versi gloriosa come quella del tenente a provare un così forte senso di gratitudine e di affetto verso un popolo allora per lo più analfabeta e contadino? Non era forse la stessa persona che anni prima, partita da Messina, sua terra natia, aveva combattuto al fianco di Garibaldi ed in seguito era divenuta tenente dell’esercito italiano? Non era forse la stessa persona di cui per anni si parlava solo per il suo astio nei confronti della fede e per il suo amore nei confronti dello spiritismo? No. E’ giunta l’ora di rivalutare una figura che per molti anni è stata solo oggetto di superstizioni e dicerie varie. Già molto fu fatto alla fine degli anni ‘80 quando Giuseppe Dell’Aversana, allora presidente della Pro Loco ed in seguito sindaco di Sant’Arpino, avviò delle ricerche storiche sul caro tenente. Ora, nel 2011, è giusto e doveroso intitolare la principale piazza del paese all’uomo che più gli ha voluto bene pur essendo santarpinese solo d’azione.

Infine, se tutto questo non vi è stato utile per capire quanto sia stato grande l’amore che il tenente Macrì ebbe per il nostro paese e per i nostri nonni vi riporto in fede uno stralcio del suo testamento con l’invito di leggerlo integralmente: ‘Istituisco e nomino mio erede universale il comune di Sant’Arpino. Voglio che il Municipio erede destini annualmente la rendita totale di tutta la mia eredità a scopo di beneficenza, per destinare le rendite in beneficio dei poveri in grandissima parte. Impongo al Municipio erede che gli usufrutti di tutti i beni donati siano dati tutti, il giorno 2 novembre di ogni anno (senza meno), nell’ordine seguente: vecchi e vecchie poveri di ogni ceto ed inabili al lavoro; orfani di padre e di madre poveri, a qualunque ceto e sesso appartengono e, in mancanza, orfani di solo padre poveri, fino all’età di 12 anni compiuti; inabili permanenti o temporaneamente al lavoro, poveri, meritevoli di soccorso e che non possono procacciarsi permanentemente o temporaneamente la sussistenza, a qualunque età, sesso e ceto appartengono; diano pure soccorsi, raccomando (cercandoli) i poveri che si trovano ammalati a domicilio’”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico