Aversa

Differenziata, sacchetti provvisoriamente finiti: si usano buste della spesa

 AVERSA. “Ha finito il kit di buste per la differenziata consegnato a fine maggio? Noi non ne abbiamo ma, niente paura, può usare le buste della spesa, vanno bene lo stesso”.

Si è sentito rispondere così Giuseppe Russo, medico funzionario presso il poliambulatorio di via Di Giacomo ed esponente politico del centrodestra cittadino, quando ha raggiunto gli uffici della Senesi in via Perugia per chiedere un nuovo kit di buste per la raccolta differenziata avendo esaurito quello fornito ai residenti del rione Annunziata al Parco Argo dove, come da impegno dell’amministrazione, il servizio è partito il 30 maggio. La riposta gli imposto una replica.

“Se usiamo buste della spesa, che sono tutte più o meno uguali, come sarà possibile raccogliere in maniera differenziata?”, ha chiesto Russo. “Se sono traspaerenti l’operatore si renderà conto del contenuto” ha affermato l’addetto. Aggiungendo che quello dell’esaurimento delle scorte di sacchetti per la differenziata è un inconveniente destinato a risolversi entro il 15 luglio, grazie alla possibilità di rifornirsi di buste da appositi distributori che verranno posizionati nelle strade e nelle piazze per quella data e che “forse come abbiamo sentito dire – ha riferito – saranno azionati da un lettore ottico che leggerà la tessera sanitaria”.

Dunque, fino a quando non saranno posizionati e attivati i distributori, niente buste dedicate ma solo buste riciclate dalla spesa fatta al più o meno vicino supermercato. Cosicché sui marciapiedi, dove vengono depositatii sacchetti per la raccolta, formando cumuli più o meno abbondanti a seconda della popolosità degli edifici da cui arrivano, la sola cosa che darà l’idea della differenziata in atto ad Aversa saranno le differenti etichette pubblicitarie che abbelliscono le buste recuperate dalla spesa quotidiana. “Possibile che sia questo il concetto di raccolta differenziata?E poi perchè la domenica non si raccoglie, forse di sabato non si producono rifiuti?”, domanda Russo, sperando che qualcuno risponda.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico