Napoli Prov.

Estorsioni dei Casalesi in Emilia e Marche: 9 arresti

 CASERTA.Nove arresti eseguiti all’alba nei confronti di presunti appartenenti al clan dei Casalesi e al clan Vallefuoco di Acerra (Napoli), dediti ad attività estorsive nella zona della Romagna e nella provincia di Pesaro-Urbino.

I provvedimenti, chiesti dal pm della Dda di Bologna, Enrico Cieri, e dallo stesso procuratore capo Roberto Alfonso, sono stati eseguiti dai militari della Guardia di Finanza del gruppo di investigazione sulla criminalita’ organizzata (Gico) del Nucleo di polizia tributaria di Bologna e da personale della Questura di Pesaro. Al termine dell’operazione, denominata ‘Sant’Egidio’, sono state eseguite nove catture a Petriano (Pesaro-Urbino), Castelfranco Emilia (Modena), Brusciano (Napoli), Rimini e San Leo (Rimini).

Due i filoni di indagine, su due gruppi di estorsori, il primo attivo nel Modenese, il secondo in Romagna e nelle Marche. A Urbino l’indagine è scattata dopo la denuncia presentata da un imprenditore della zona, minacciato e picchiato perchè versasse 70 mila euro (commissione compresa) ad un rappresentante di arredamento, suo creditore, che aveva chiesto agli esattori dei casalesi di recuperare il credito vantato.

Arresti e perquisizioni sono stati eseguiti da agenti della squadra Mobile della questura di Pesaro, del commissariato di Urbino, e da militari del Gico e del Nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Bologna.

Nel Pesarese l’organizzazione criminale si nascondeva dietro il lavoro di un’agenzia di recupero crediti costituita a Rimini, ma riconducibile ad una società di diritto di San Marino. Tutte le operazioni in realtà, venivano coordinate da un pregiudicato napoletano, già detenuto per altri reati. Fra gli arrestati c’è anche il rappresentante di arredamento.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico