Aversa

Il grafico aversano Giovanni Riccio premiato da Fazio e Vespa

Giovanni RiccioAVERSA. Fortunatamente, e non di rado, arrivano notizie di giovani aversani che, nonostante il periodo di crisi e le difficoltà che incontrano per affermarsi nel mondo del lavoro, riescono ad affermarsi oltre i confini regionali …

… e prendere anche la ribalta a livello nazionale. Il giovane che vogliamo farvi conoscere è un ragazzo di Aversa, carattere mite, volontà ferrea. Lui si è posto degli obiettivi e con sacrificio, costanza ed impegno è riuscito a realizzare, almeno in parte, i suoi sogni di “affermazione lavorativa”.

Giovanni Riccio, grafico pubblicitario aversano, è infatti vincitore del premio nazionale per la realizzazione di un poster per la lotta contro il dolore, bandito dalla Age.Na.S. e tenutosi a Roma il 25 maggio al Ministero della Salute, alla presenza del ministro Ferruccio Fazio e del giornalista e presidente della Fondazione “Gigi Ghirotti” Bruno Vespa. Anche grazie a lui “l’Aversanità” è di nuovo alla ribalta, e in questo caso per aspetti davvero importanti che riguardano il sociale.

Sei soddisfatto di questo premio? “Si, tanto. Devo ammettere che non me l’aspettavo assolutamente di ricevere un premio nazionale, per di più con il massimo punteggio della giuria. Ero molto emozionato quando il dottor Vespa e il ministro Fazio mi hanno premiato. Lo sono ancora di più adesso se penso che il mio lavoro verrà esposto in tutta la nazione per le campagne intraprese dagli enti e aziende pubbliche del settore sanitario, oltre che sule riviste del settore. Quando ho partecipato al concorso, spronato anche da persone che hanno sempre creduto in me, ho ritenuto che il concetto in questione, ovvero quello di rappresentare graficamente la lotta contro dolore, potesse stimolarmi per una giusta causa”.

Riccio con Bruno VespaChi è Giovanni Riccio? “Sono un patito d’arte, in ogni sua forma, da quando ero bambino. Credo di essere una persona umile con una piccola dote: la creatività. Come molti, ho iniziato disegnando personaggi dei fumetti ed ho continuato negli anni fino a fare del disegno la mia professione. Ho intrapreso studi artistici diplomandomi al Liceo Artistico Statale di Aversa. Successivamente, mi sono iscritto all’Accademia di Belle Arti di Napoli e contemporaneamente ho seguito un corso specialistico per tecnico pubblicitario presso una scuola di comunicazione di Napoli. Questo percorso di studi mi ha dato le basi fondamentali per conoscere la grafica pubblicitaria, trasferendomi molte tecniche informatiche che mi hanno permesso di riportare le mie capacità dalla carta al digitale. Dal 2005 sono iscritto all’Associazione italiana tecnici pubblicitari professionisti. Terminati gli studi, ho lavorato in uno studio grafico di Aversa per diversi anni, affinando ed acquisendo nuove capacità grafiche, oltre che iniziare un rapporto di fiducia con i clienti. Attualmente lavoro da freelance e collaboro con diversi studi grafici e web professionali non solo della mia città”.

Ti ritieni più grafico o web designer? “Questa per me è una domanda difficile. Devo ammettere che fortunatamente il mio lavoro abbraccia diverse, aree tra cui la grafica tradizionale ed editoriale, l’illustrazione, la fotografia, il motion design e anche il web. Non ho un settore che preferisco rispetto ad un altro. Attualmente dedico gran parte del mio tempo alla grafica pubblicitaria”.

Il tuo lavoro è la tua passione, o hai altri hobby? “Il mio lavoro è la mia passione, oltre al mio hobby preferito. Un’altra passione è la pallacanestro, sport che pratico da sedici anni, a cui devo la mia crescita a livello umano e che mi ha dato la possibilità di entrare a far parte di una grande famiglia che è la squadra della mia città”.

Dove vivi e dove lavori? “Vivo e lavoro ad Aversa. Nonostante la mia città non offra molte possibilità lavorative in questo settore rispetto ad altre grandi città d’Italia e d’Europa, cerco sempre di dare il massimo della mia esperienza e creatività a tutti i miei clienti, trasferendo loro le mie conoscenze professionali e utili consigli”.

Riccio con il ministro FazioCom’è nata la passione per la grafica? “Non ricordo come sia nata, ricordo solo che da piccolo, già dalle scuole materne, rimanevo affascinato da disegni e fumetti che trovavo per casa e che provavo a ridisegnare e riprodurre soprattutto con un mio stile personale”.

Come rimani aggiornato nel tuo settore? “Quotidianamente, attraverso siti web, forum e riviste inerenti alla mia professione. Ogni anno o due, invece, cerco sempre di aggiornarmi con corsi di formazione specifici del settore”.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro? “Mi piacerebbe tanto gestire uno studio grafico ed avere dei collaboratori che potessero condividere con me il mio lavoro per poter rivoluzionare in un futuro prossimo l’attuale concezione di grafica pubblicitaria e immagine aziendale che purtroppo è ancora distorta e non tanto ricercata nella nostra realtà quotidiana”. Siamo certi che Giovanni farà molta strada, nella speranza che altri giovani possano seguire il suo esempio e credere, come lui, nelle proprie capacità.

di DONATO LIOTTO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico