Orta di Atella

Dacia Maraini racconta Enrichetta Di Lorenzo

Enrichetta di LorenzoORTA DI ATELLA. La famosa scrittrice e drammaturga fiorentina Dacia Maraini racconta la vita dell’eroina risorgimentale ortese, Enrichetta di Lorenzo, nel testo Le donne del Risorgimento (edizione Il Mulino-AA.VV.).

Fino a qualche anno fa, nei libri di storia, il nome di Carlo Pisacane era affiancato a quello di Enrichetta di Lorenzo, che rivestiva però esclusivamente la veste di compagna dello sfortunato eroe della spedizione di Sapri. L’importanza storico-politica della figura di Enrichetta è stata invece ampiamente messa in luce da un suo discendente, il dott. Alessandro di Lorenzo, che, grazie ad un ampio epistolario e alla pinacoteca di famiglia, ha potuto realizzare un attento studio storiografico sul personaggio caduto nell’oblio (e mai rivalutato) e ormai riconsegnato agli onori della storia. In virtù degli elementi di rilevanza storica presenti nel testo di A. di Lorenzo “Enrichetta di Lorenzo, storia di una famiglia” la stessa Maraini ne ha fatto un punto di riferimento nella sua rielaborazione della figura di Enrichetta.

Nel testo della Maraini, infatti, è riportato il libro dell’arch. A. Di Lorenzo, sia nel corpo dello scritto, con espliciti riferimenti, che nelle fonti maggiormente accreditate nell’approfondimento dello studio su Enrichetta di Lorenzo. La parte iconografica è arricchita con il dipinto della compagna del Pisacane (provenienza Pinacoteca di Lorenzo) e la targa commemorativa composta dal di Lorenzo, sita alla via San Donato in Orta di Atella. La prima edizione dell’arch. A. di Lorenzo (Enrichetta di Lorenzo, storia di una famiglia) risale al 2005, anno in cui la figura di Enrichetta era considerata marginale e riservata solo a pochi addetti ai lavori. L’enorme diffusione del testo ha, successivamente, richiesto la stampa di una seconda edizione, che è stata arricchita da un ampio epistolario e da un inedito articolo del The Times londinese, coevo alla spedizione di Sapri.

Nella conferenza tenutasi a Firenze il 12/10/2010, presso l’Auditorium Attilio Monti, Dacia Maraini ha affermato: “L’Italia avrebbe bisogno oggi più che mai di ritrovare un’Enrichetta di Lorenzo. Sto lavorando a un libro sull’Unità d’Italia e studiando questa donna ho imparato che era nota per lo sfortunato rapporto d’amore che la legò a Carlo Pisacane che conosceva fin dall’infanzia. La diedero in sposa a un uomo molto più anziano di lei che la brutalizzava e la umiliava, dal quale ebbe tre figli. Ci sono lettere splendide di Enrichetta, trattata “con le maniere le più rovinose, con le parole le più indecenti, con i modi più bruschi”. Una figura che non conoscevo e che per me è il simbolo stesso dell’Unità d’Italia che andiamo a celebrare”.

Da quanto sopra descritto si evince così una complementarietà intellettuale nel giudizio storico tra gli studiosi del settore. Infine, i ringraziamenti alla Maraini sono duplici: da parte dello stesso autore, per aver manifestato tanto interesse per la sua ormai illustre antenata, nonché per aver dato cotanto lustro ad una concittadina divenuta così personaggio fondamentale nello studio degli eventi dell’epoca risorgimentale.

inviato da Rachele Mingione

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico