San Felice a Cancello - Santa Maria a Vico - Arienzo - Cervino

Nuzzo: “Inversione di tendenza rispetto al passato”

Emilio NuzzoSAN FELICE A C. Il candidato sindaco Emilio Nuzzo, in una lettera aperta ai cittadini di San Felice a Cancello, ritiene necessaria un’inversione di tendenza.

Carissime amiche, cari amici, siamo nel pieno di un momento importantissimo, probabilmente decisivo per la nostra amata San Felice a Cancello, quello delle scelte che determineranno il futuro del nostro territorio, delle nostre famiglie e soprattutto dei nostri giovani.

Da imprenditore e consigliere provinciale in carica ma ancor prima come figlio di questa terra ho sentito il dovere, per senso di responsabilità, di mettermi ancora di nuovo in gioco al fine di offrire tutte le mie energie perché si realizzi, per la nostra città, una inversione di tendenza che mai come in questo momento è necessaria, dopo anni di grigiore politico amministrativo e sociale, di mortificazioni e di sperequazioni che hanno lasciato un doloroso segno sul nostro tessuto vitale e sulla nostra economia, affossando le speranze e le ambizioni dei nostri giovani, delle nostre operose donne, dei nostri professionisti, dei nostri artigiani e dei nostri imprenditori.

Dopo cinque anni trascorsi da consigliere provinciale, quattro dei quali all’opposizione, ho deciso di mettere a disposizione la mia esperienza di amministratore offrendomi come candidato Sindaco della nostra città. Tale decisione è stata favorita dalla spinta convinta ed entusiastica di tanti amici che mi hanno individuato come leader di un aggregazione di partiti politici sostenuti dai loro rappresentanti provinciali e regionali nonché di gruppi della società civile.

Sono sempre stato coerente nelle mie scelte politiche; da diversi anni milito in un partito che in provincia di Caserta ed in regione Campania è rappresentato ai massimi livelli. Con il supporto dei nostri riferimenti istituzionali e la vicinanza delle forze positive ed operose della nostra città, sarà più facile creare quell’indotto che ci permetterà di ripartire e di riappropriarci del nostro territorio, quasi sempre svenduto per l’interesse del singolo o dei pochi.

Dobbiamo riconsegnare San Felice a Cancello ai propri cittadini, dobbiamo ricostruire un comune che svolga fino in fondo la sua funzione di guida e di servizio al cittadino , cosa che non accade più da diverso tempo. In questi anni ho sentito parlare spesso, con toni deliranti, di sovranità popolare, di plebiscito e di consensi, ma sempre e solo in funzione del singolo e mai della collettività.

Pochi hanno avuto, tanti ancora aspettano quel miracolo economico tanto sbandierato. Amministrare un Comune non significa affossarlo e ridurlo sull’orlo della bancarotta. Sono state, infatti, compiute scelte sbagliate; ora è arrivato il momento di azzerare la partita e di ricominciare nel segno della responsabilità e della discontinuità con la precedente gestione. Per raggiungere questo obiettivo, ho avuto il sostegno convinto di tutti i rappresentanti delle forze politiche del centrodestra e della parte migliore della società civile della nostra città. Una squadra di candidati e di amici di cui sono orgoglioso che sapranno portare nelle vostre case e nei vostri cuori quello spirito di positività che ci anima.

Con il loro fondamentale apporto e il vostro sostegno care concittadine e cari concittadini, riusciremo a dare nuova linfa alla nostra amata San Felice a Cancello. “Un Sindaco vero” per un progetto concreto di governabilità e stabilità. Un programma snello ed attuabile, all’insegna della trasparenza e del bene collettivo per creare un nuovo corso e riscrivere la nostra storia con un paese finalmente libero.

Fiducioso di essere da voi sostenuto per realizzare questo avvincente progetto, colgo l’occasione per formularvi i miei più sinceri auguri di Buona Pasqua. Che questo giorno di festa vissuto con i nostri cari in famiglia, sia il viatico per un nuovo percorso che ponga al centro di tutto l’interesse comune.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico