Caserta

Magliulo chiede commissione provinciale d’inchiesta sui rifiuti

Antonio MagliuloCASERTA. Dopo la puntata di “Presa Diretta” su Raitre, la commissione provinciale ambiente, presieduta dall’ingegner Antonio Magliulo, scrive al presidente della provincia, Domenico Zinzi, per chiedere l’istituzione di una commissione d’accesso su ambiente e rifiuti in Terra di Lavoro.

Ecco il testo della lettera:

Gentile Presidente,

Le scrivo, in nome e in rappresentanza dell’intera Commissione Provinciale Ambiente, all’indomani dell’ennesima inchiesta sullo stato ambientale e dei rifiuti del nostro territorio.

Questa volta è stata la trasmissione “Presadiretta”, condotta dal giornalista Riccardo Iacona su RaiTre, in data 6 febbraio, a rinnovare allarmi e paure e a rompere una volta di più il muro di silenzio e di ipocrisia che avvolge da decenni la vexata quaestio dei rifiuti e del cattivo ambiente in Terra di Lavoro.

Già in questi mesi, questa Commissione Ambiente provinciale, ha sollecitato la più grande svolta in materia ambientale e richiesto, a nome di tutti i componenti della commissione medesima, la bonifica di questo territorio, l’attuazione della legge 26/2010 ed una serie numerosa di interventi, idonei a realizzare la migliore salvaguardia e difesa del territorio e a mutare radicalmente la prassi di realizzazione di tali obiettivi. Soprattutto, ha invocato una rivoluzione copernicana nel senso di aprire due fronti: informazione e sensibilizzazione, prevenzione e coazione.

Ora, dopo i fatti testimoniati e documentati dalla trasmissione di Iacona, riteniamo che non si possa più tergiversare e lavorare con i tempi, spesso lunghi, della burocrazia e della politica; è tempo di una brusca accelerazione.

Tanto premesso, sollecitiamo la S.V. e la Presidenza dell’Amministrazione Provinciale di Caserta a promuovere l’Istituzione di una commissione d’Accesso della provincia che faccia finalmente chiarezza sullo stato ambientale del territorio; lo chiediamo formalmente e lo chiediamo simbolicamente e in nome di una popolazione casertana veramente stanca di pagare sulla propria pelle una situazione disastrosa che mette a repentaglio la salute di tutti i cittadini di Terra di Lavoro.

Certo, il nostro compito istituzionale, la nostra conoscenza e la nostra sensibilità in materia ambientale sono cose abbastanza notorie e conclamate, per cui la gravità della situazione non è che ci fosse sconosciuta. Da tempo, infatti, numerose inchieste della magistratura e rilevazioni di organi qualificati hanno documentato che in questo territorio sono state sversate sostanze altamente inquinanti; da tempo sono sotto gli occhi di tutti i chilometri quadrati di ecoballe; da tempo osserviamo discariche non bonificate; da tempo sappiamo del percolato che avvelena l’aria e, da qualche giorno, addirittura abbiamo scoperto anche che esso sarebbe finito nel nostro mare; da tempo siamo annichiliti dai numeri scarsissimi di realizzo della differenziata; ma le testimonianze rese e documentate domenica 6 febbraio dalla trasmissione RAI “Presadiretta”, le conferme impietose, la visione di camion nuovi che restano al palo per dare luogo ad altre ed inutili spese milionarie, i dati terribili sui rischi per la salute dei nostri concittadini, tutto questo fornisce un quadro spaventoso e altamente preoccupante della situazione che non si può più ignorare; e soprattutto reca gravissimo nocumento a chi, come noi e come Lei, in qualità di parlamentare casertano e di Presidente dell’Ente provincia, rappresenta ed è parte integrante della politica e della amministrazione pubblica.

Di qui, gentile Presidente, l’oggetto dell’istanza che questa Commissione Le rivolge e che, riteniamo, potrà facilmente incontrare la Sua approvazione e la condivisione della stragrande maggioranza dei componenti del Consiglio provinciale.

Circa la mission della futura Commissione d’Accesso, noi chiediamo che Essa abbia soprattutto l’accesso agli impianti e all’autoparco del Consorzio Unico per esaminare le eventuali problematiche esistenti e verificare le denunce oggetto della trasmissione “Presadiretta”; dipoi, per quanto concerne i criteri e le modalità di composizione della Stessa Commissione, La sollecitiamo, a nominare e scegliere 5 (cinque) personalità fra i componenti di questa Commissione Ambiente e a farsi garante che detto organo svolga un ruolo di chiara terzietà e con funzioni effettive e rilevanti di controllo e garanzia.

In attesa di una Sua cortese e celere risposta e di un positivo accoglimento della nostra istanza.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico