Esteri

Argentina, Maradona ai funerali del presidente Kirchner

Maradona e Christina Kirchner BUENOS AIRES. L’Argentina saluta commossa il suo 54esimo presidente, l’avvocato Nestor Kirchner, marito dell’attuale capo di Governo, Cristina Fernandez.

Alle esequie ha partecipato anche il mito del calcio mondiale, Diego Armando Maradona, che ha così salutato il suo amico, morto in seguito ad un attacco cardiaco: “Era un gladiatore, lottava per i suoi ideali, aveva molte cose del ‘Che’ Guevara, il mio idolo. La sua morte e’ un colpo per tutti noi. L’avevo visto un po’ di tempo fa e stava bene, tranquillo”. L’addio è stato caloroso anche dal resto del popolo argentino che ha sentitamente partecipato alla camera ardente allestita presso la Casa Rosada, dove a salutare c’era la moglie Cristina, seduta con occhiali scuri con accanto i due figli.

Le ragioni che hanno portato alla morte del presidente Kirchner sono ancora misteriose anche per i medici che hanno ipotizzato la un attacco cardiaco: Nestor era stato sottoposto a due interventi chirurgici per sbloccare un’arteria, ma già l’ultima operazione aveva messo in dubbio una sua eventuale candidatura per le prossime elezioni presidenziali del 2011. I funerali che si sono svolti nella città che gli ha dato i natali, hanno visto la partecipazione delle istituzioni nonché del popolo che è accorso in massa. In segno di lutto, saranno fermate anche la competizioni calcistiche di ogni categoria previste per il prossimo fine settimana. L’Afa esprime la “sua più profonda tristezza per tale terribile perdita”, afferma nella nota, aggiungendo che è stato inviato un messaggio di condoglianze alla presidente e ai suoi familiari.

La morte ha accolto Nestor mentre si trovava nella sua casa residenziale per un periodo di riposo dopo il malore che lo aveva colto qualche giorno prima: a febbraio era stato operato d’urgenza alla carotide; qualche mese più tardi, senza aver cambiato il suo ritmo frenetico di vita, a settembre, dopo un forte dolore al petto, era stato di nuovo ricoverato e sottoposto a un’angioplastica con uno stent in un’arteria coronarica che era ostruita. Nella mattinata di ieri è arrivato il dolore fortissimo al petto: inutile il tentativo dei medici di rianimarlo dopo che la moglie lo ha portato in ospedale, al Josè Formenti.

Nestor Kirchner nasce 60 anni fa a Rio Gallego e frequenta la facoltà di diritto, dove conoscerà nel 1970 quella che qualche anno dopo sarebbe diventata la moglie, nonché madre dei suoi due figli, tenuti sempre lontani dalla vita pubblica. La sua carriera di avvocato inizialmente lo porta lontano dalla politica a cui arriverà solo nel 1991, quando verrà eletto governatore di Santa Cruz, sostenuto dal 61 per cento dei voti. Poi grazie alla riforma della Costituzione provinciale in cui inserisce la rielezione indefinita, riesce ad essere rieletto per il mandato dal’95 al ’99. Nel 2003 arriva alla Casa Rosada, dove riesce ad imporsi per la sua capacità di risollevare la sua nazione dalla crisi economica. Nel 2007 a causa delle sue condizioni di salute cede il passo alla candidatura della moglie, che riesce a controllare sempre nell’ombra, governando e manovrando il loro partito, Partido Justicialista.

Ora la Fernandez deve scegliere la strada che intende intraprendere: terminare o rinnovare il suo mandato, essendo in grado da sola di se è in grado di mantenere il controllo sul Partito. Dopo gli ultimi problemi di salute di Kirchner, stava già guardando ad altri candidati: primo tra tutti, Daniel Scioli, governatore della potente provincia di Buenos Aires.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico