Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Salme militari, il figlio di Braccio consente la traslazione

Angelo RaucciMARCIANISE. Ha visto suo padre una sola volta da bambino, mentre era di passaggio a Marcianise, ed insieme al resto del plotone, di cui faceva parte, si dirigeva a Campagna, in provincia di Salerno.

Eppure Carmine Braccio, figlio di uno dei 4 militari, le cui schede di ricerca sono state rinvenute dal veronese Roberto Zamboni presso l’Archivio Segreto Vaticano, è seriamente interessato a riportare il genitore nella sua terra natia. Per tale ragione, appena appresa dai giornali la notizia dell’avvio della procedura per la traslazione delle salme da parte dell’amministrazione comunale, si è presentato in Comune ed ha incontrato il sindaco Antonio Tartaglione e l’assessore Angelo Raucci, ringraziandoli e dichiarandosi soddisfatto per il tempestivo interessamento.

Su input degli esponenti del locale governo, il Braccio ha rilasciato l’autorizzazione scritta al trasferimento dei resti paterni, rendendosi disponibile per tutti gli altri adempimenti di competenza. Continua intanto il certosino lavoro dell’ufficio anagrafe volto all’individuazione degli eredi degli altri tre militari, ritrovati dallo Zamboni.

Tale lavoro è propedeutico all’invio al Commissariato Generale Onoranze Caduti in Guerra del Ministero della Difesa di una richiesta di rimpatrio delle loro salme, perché la stessa dovrà essere corredata del placet dei loro parenti.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico