Matese

A Letino il Festival del Folklore Casertano

 LETINO. Alla presenza delle autorità della Fitp, della Pro Loco Letizia, del sindaco Antonio Orsi di Letino, di Mariana Iocco, portavoce in questa occasione dell’Unpli Caserta del presidente Pezone, si è svolta a Caserta, …

… la conferenza stampa che anticipa di poco l’ormai imminente Evento, che si svolgerà a Letino il 24 e 25 luglio. L’evento battezzato Festival del Folklore Casertano, racchiude in sé una delle manifestazioni culturali più importanti della Federazione, La Scalinata del Folklore, ossia la realizzazione del calendario artistico della Fitp, che quest’anno ha fortemente voluto come location, lo splendido borgo medievale di Letino.

Il via è stato dato dal direttore artistico dell’evento, Francesca Grella, moderatrice per l’occasione, che dopo un breve riassunto su ciò che “accadrà” a Letino, ha passato la parola all’inossidabilepresidente Di Meo che nella fattispecie racchiude in sé due figure importantissime: vicepresidente Unpli Caserta e Presidente Provinciale Fitp Caserta. Importantissime perché se si sale un po’ a ritroso nel tempo, al 2008, precisamente a Peastum, allo stesso tavolo si trovarono per la prima volta l’Unpli Caserta e la Fitp nazionale, al cui incontro, ha detto la Iocco “si gettarono le basi della futura intesa, che ha portato ad uno sviluppo equilibrato ed organizzato dellamusica popolare e della culturafolklorica nella provincia di Caserta e più in generale in Campania ed al protollo d’intesa firmato dall’unpli e dalla fitp proprio quest’anno”. Bella è stata la frase, sempre della Iocco che il Comitato Fitp Caserta fece sua a Letino “Uniti si vince” e la provincia di Caserta con il suo mare, i suoifiumi, le sue colline, le suemontagne ed il suo patrimonio artisticopuò e devereagire e candidarsi per un rilancio ed una rinascita che solo la cultura può favorire”.

Il presidente Di Meo, entusiasta forse più di tutti dell’evento, ci ha creduto fin dall’inizio ed incalzato senza sosta dal suo più stretto entourage ha fatto sì che ora la voce dei piccoli paesi dimenticati, come ha tenuto a spiegare il sindaco Orsi, finalmente dopo questa esperienza, non sarà più un’eco che andrà a spegnarsi nelle valli, ma scriverà a pieni polmoni un fetta della storia del folk casertano. Da lui, la parola è passata presidente Nazionale Fitp, Benito Ripoli, che in questi mesi ha dato il suo massimo supporto al Comitato Fitp Caserta, non facendo mai mancare la sua presenza e spazzando via con forza anche le più piccole incertezze che potevano nascere. Per La Scalinata del Folklore prenderanno parte alla kermesse, chiamate a raccolta proprio dal presidente Ripoli, ben 14 coppie che provengono da altrettante regioni e che porteranno lustro e colore alla manifestazioni. Il Pres. Ripoli e l’instancabile presidente Fitp Campania Enzo Cocca, ancora una volta ci hanno ribadito che scelta migliore non poteva essere fatta.

Su Letino siè puntato molto, ha detto Ripoli, e vedendo quanto si sta facendo e quanto è stato fatto, il successo è garantito. Il più emozionato e orgoglioso di tutti a maggior ragione, è sembrato, agli occhi di tutti, il presidente Paolella, che ha detto: era una sogno che avevo da anni nel cassetto e finalmente è diventato realtà”.

Con il suo entusiasmo, nella bellissima sala del Circolo Unificato dell’Esercito, si è conclusa la conferenza che è stata il taglio del nastro all’ormai vicino festival, che vedrà sfilare accanto la tradizione popolare del territorio del basso e dell’alto casertano,con i suoi canti, balli, riti e prodotti tipici anche gli usi e costumi di tutta l’Italia folklorica. Affiancata e sostenuta dall’Unpli Caserta, la manifestazione è davvero, come ha detto Paolella, un sogno che si materializza.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico