Aversa

Liotto presenta una “passeggiata virtuale” per Aversa

Porta NapoliAVERSA. Da quando tempo non ci facciamo una bella passeggiata a piedi? Tanto, vero? Certo, non vogliamo intendere la solita passeggiata, “’o struscio” per via Roma “annanze e arrete”, comm’è “galline rint’e a nu pullaio”, e lo diciamo senza offesa!

Vogliamo, assieme con voi, provare a fare un passeggiata per Aversa, anche se “virtuale”, ma con un pizzico di fantasia, sperando che poi, alla fine della lettura, chissà che non si possa fare anche nella realtà. Allora, siete pronti? Prima di tutto, pusate ‘e machine, motociclette, biciclette, pattini a rotelle e risciò! Bene!

Iniziamo la nostra camminata partendo a “Miezze Savignano” ma prima diamo uno sguardo alla zona c’è tanto da vedere, oltre ai monumenti le stradine strette, “N’coppe o Canciello” o “Adderete e Capune”. Accumminciamme accà! Quanti bassi (‘e “vascietielle”). Quanta gente rint’è a sti palazze, parene “alveari” tenene tutti ‘o sapore antiche. Panni stesi fuori ai bassi e n’coppe e “Stendini”. Danno la sensazione di tante bandiere sule che so mutande, cazzettini e panciere! Alziamo lo sguardo, gente sempe affacciate, che danno tanta allegria, po’ nu poche cchiù annanze, rint’e a nu vascietiello scure e nire, “na vicchiarella” n’coppe a na seggiulelle assettata fore all’uscio, guarda a gente che passa, e accussì passa a jurnnata. Ogni tanto, qualcuno prende na sedia e le fa compagnia. Fermammece nu mumente e strignimme ‘a mane a chesta signora, l’avimma ringrazià! Ricordo che tanto tempo fa, ci stava pure un panificio “N’coppe ò cancielle”, lo chiamavamo “’O furn e Turille” (mò si è trasferito in un’altra zona della città) si passavano nottate intere e d’estate a chiaccherare e a m’bastà pane, freselle, pizze e panine a quantità. Poi, di mattina presto, “na pizza e nu panine con la mortadella” ci scappava sempre.

Continuando a passeggiare, ora che ne dite, vogliamo andare a “V’ascie a scesa? (Piazza Vittorio Emanuele). E parlando delle pizze come dimenticare che proprio lì, da generazioni la “Pizzeria Vitale”, quanta ‘ggente a fatte magnà, ovviamente pagando!. Ma si paga poco…e soprattutto si mangia bene! Giranne l’angolo della pizzeria jamme “Adderete a Manta” (la stradina che riconduce a Savignano), ritroviamo di nuovo tanti bassi tutti pieni di vita, ancora oggi ce stanne tanta “Arrevettatrice” (orlatrici) che dalla mattina presto, dietro le macchine per cucire, iniziano a lavorare le tomaie, e come non ricordare che anche queste ultime fanno parte rilevante del mondo delle scarpe costruite ad Aversa (vedi “O’ vic de scarpare” pubblicato su questo sito). Che donne! Accendono la loro radiolina canzoni napoletane che fanno compagnia, ‘o tiempe passa ambressa e, tra una canzone e un’altra, se fa ‘ll’ora pe se cuccà! Parllene che passante, mannene ‘e figlie a scole, cucinene a primma matina, e rassettene ‘a casa, curano con amore ed impegno marito e figli, ma non si distraggono mai dal loro lavoro dando priorità prima alla famiglia ovviamente. Senza chesti “femmene” a tradizione delle scarpe ad Aversa…crerrite a mme…nun cè puteve stà! Ma pigliamme a cammenà…e lassemmele faticà! Però mò, che stiamo attraversando questa strada simile a tante altre della città, facimmece caso…stì vasce so cchine e vita!

Quante cose belle che nasconde la nostra città…facite ambresse…mò stamme a “v’vascie a Funnine”. Pure quà…quanta vita. Questa strada immette sia su via Roma che su Via Cavour, ma non ha nulla da invidiare a queste ultime. Sapite pecchè? ‘Cca sta e casa, ci vive e ci lavora tanta “brava gente”, si nun fosse pè ‘ll’oro chesta via, come tante altre stradine di Aversa, sarebbe morta e senza colore. Proprio di fronte, dopo tanto camminare, “na tazzulella ‘e cafè e na Polacca caura proprio nun ponne mancà. Di pasticcerie rinomate ce ne sono tante basta girare per la città.

Ma procediamo, lasciamo via Roma e gghiamme a via Solferino, a via Orabona, a via Belvedere. A proposito? Proprio llà ce stà aspettanne a storia nosta! Pertanto, ajzzate ‘e piere (velocizzate i passi) e ‘gghiammele a truvà. Ritrovremo: palazzi antichi, vecchi e ampi cortili, una miriade di vascietielli che arrivano fino a via Belvedere e n’coppe ‘o Lummetone (via Orabona). So cchine ‘e negozi e calzature, ma forse e più corretto dicere, e scusate ’o taliane, e scarpe. Se trovane e tutte e misure, dai numeri cchiù piccerilli ai più grandi, ogni tipo e ogni modello. Ogni vascie è na surpresa. E quanne trase rint’e a stì negozi pare che staje a casa toja. Ti fanno accomodare, ti offrono il caffè e c’ù quatte spiccie…jesce che scarpe nove, a borsetta, a cintura. E se vi va vennene pure e portafoglie (ovviamente so vacante e pure c’à s’addà pagà). Ma tanta cordialita la troviamo, statene certi, in tutte le attività e negozi della città.

Si è fatte ore è magnà. Stiamo proprio vicini, fermiamoci qua “da Costantino”. Pure qua, quanta cordialità! A cucina ‘e casa nosta, pure chesta è “storia nosta”, vala a pena d’assaggià! Quanti ristoranti e vecchia tradizione: “Peppe ò Russo”, “La Contrada”, “da Mauro”, “Al Piazza”, “Al Gastrò” (per i giovani), “la Taverna del Barone” e tanti altri ancora. Però, mò susiteve, è ora e cammenà! Una bella passeggiata aiuterà a digerire…ma se proprio vi và…passamme pe miezze a Trinità e proprio più avanti a Piazza Municipio “Nu cafè o n’amaro al “Bar Roma” proprio nun sé po’ evità. Ovviamente, approfittammo e posamme “a differenziata”, cheste pure è importante si nun vulimme continuà a vedè a munnezza pè tutta stà città.

Tra poco miezze ‘o Sieggie”, a via Roma, a via Diaz, in pratica in tutta la città arrapene e negozi. Dieci, venti, cento, mille vetrine. ‘O vere centro commerciale facitece case è tutta stà città. Si continua a passeggiare tra la storia, si incontra qualche amico, n’à battuta n’à risata e continuiamo nel percorso. Chesta piazza e overe grossa. Nuje aversane a chiammame “Miezze o Mercate” ma ‘o nomme suoje è “Piazza Marconi” stà nu poche abbandonate, pe nun dicere maltrattata. Meno male che pure c’cà tanta gente, tanta commerciante, a tenene ancora viva, e cù tanta sacrificie riesciene a purtà annanze le loro attività. Sapite che ve diche: ‘o vere salotto d’Aversa pe m’me è chistu c’cà. Meno male che le autorità a breve a restituiscene nel suo splendore alla città. Chesta piazza è troppa bella. Almene pe na vota s’adda visità.

Che dicite, vulite continuà, site stanche? Jamme, natu p’poche, e poi ci fermiamo. Verite quant’è belle a passeggià! A macchina lassetela stà. Risparmiate soldi, parcheggio e in compenso ne guadagnate tanta salute. Se proprio vi va…mò…jamme n’coppe e cinque vie, a zona del Borgo, ma nuje aversani dicimme “o Burr”. Passiajamme pa zone do “Quartiere” ma primme visitamme a “Chiese d’ò Carmine”. Sta abbandonate, nisciune a pense cchiù. Ma esse nun se scuraggie, a Cupola soja è alta assaje, arriva fine ‘o ciele e sovrasta sta città. Facitece caso: pare che cè stà a chiammà. Che peccat…me vene a pensà.

Poi jamme rinte e “viche ‘e San Giovanni”, “Adderete a Scalella”, visitamme tutte ‘e chiese. Aversa ne tene ciente (cento) pè putè pregà, e nu poce a vote se po fa. Poi San Biagio, ‘o Munastero delle Benedettine e a fianco a chiesa ci sta la Caritas e un’altra sede. A putimme visità domani. Sta a via Cesare Golia. Ma come non lo sapevate? A Sant’Agostino dove stà l’Ente Morale Moretti. Bene! Ora che lo sapete da domani incominciate a conservare maglie di lana, mutande calzini, scarpe vecchie, insomma tutto quello che non vi serve, beni di prima necessità purtatele ‘llà! Sapite? Mentre noi passeggiamo “annanze e arrete”. mentre facimme a spesa, mentre compriamo abiti, scarpe, contribuiamo e aiutiamo il commercio cittadino. Nun ce sta bisogno di andare in centri commerciali: passeggiare per Aversa fare shopping, circondati dalla storia. Nun c’è uguale paragone vene a voglià e accattà. Poi va pure detto: proprio rinte a chillu mumente che giramme pà città tanta gente proprio in quel momento nun po’ manco magnà. Ogni vota che vulimme passeggià arricurdammece anche di questa cosa qua.

Alla fine saremo un poco stanchi…ma statene certi…chesta tappa proprio nun sé po’ saltà. Ritorniamo alle nostre case, rovistiamo nei cassetti, negli armadi, facciamo tanti pacchi e passeggiando per la nostra bella città diamo un esempio. Facite tanta “sacchetti” e proprio comme se fa cà “differenziata” ogni cosa o posto suje: nu sacchette pè vestiti, uno pè scarpe e cosi via. Sarà più facile quanne jamme a consegnà.

Chesta è Aversa…a città della solidarietà! Annanze e arrete…mò duje mutive overo…o tenite pe passeggià. Uno è chille e da na mano e commerciante ‘e stà città, nate è chille e fà n’opera è carità. A proposito, veniteci a truvà. Vi aspettiamo all’Ente Moretti, a Sant’Agostino, n’zieme a nuje tanta “puverielle” vi aprono la porta e con un sorriso vi invitano a trasì: “Benvenuti nella casa della solidarietà!”.

di Donato Liotto (presidente “New Dreams” e membro cda “Ente Moretti”)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico