Succivo

Successo della “Giornata dell’Insieme” al Casale di Teverolaccio

TeverolaccioSUCCIVO. Pubblico delle grandi occasioni nel suggestivo e splendido casale di Teverolaccio, nonostante il tempo incerto.

Infatti, nella serata di sabato 19 giugno, diverse centinaia di persone tra bambini, giovani, genitori e nonni, provenienti dalla zona atellana, sono intervenuti alla manifestazione della “VIII Giornata dell’insieme”. Per l’ottavo anno consecutivo il centro di accoglienza dei ragazzi disabili della zona atellana, “Casa della Vita”, guidato dal presidente Celeste Moccia, ha messo in scena e rappresentato nello splendido casale aragonese lo spettacolo teatrale “Alice nel paese delle meraviglie in 5D”.

L’evento, divenuto un lieto appuntamento, vede ancora una volta protagonista i ragazzi disabili, ai quali il direttore teatrale Paolo Fabozzo, dedica, quale frutto di innumerevoli prove durate tutto l’anno, la magia del teatro. La passione, la pazienza, la competenza e l’amore, con cui Paolo Fabozzo, ha guidato i ragazzi nel corso dell’anno, ha reso possibile questa meravigliosa avventura creando un’atmosfera di sensibilizzazione e socializzazione del lavoro di gruppo.

La storia si è sviluppata in un percorso itinerante e ha visto impegnati i giovani diversamente abili Lucrezia Bellotti, Milena Santillo, Mariangela Sorvillo, Angela Turco, Valeria Gifuni, Anna Turco, Patrizia Perrotta, Maria Russo, Pasqualina Compagnone, Luana Di Pasquale, Claudia Galano, Vittorio Vitale, Sigismondo Ricciardi, Carmine Russo, Loredana Maiole, Linda Maiole, Silvia D’Ambrosio, Mimmo Colella.

In definitiva la “Giornata dell’Insieme” è una festa rivolta ai ragazzi diversamente abili della zona atellana che frequentano il centro a conclusione del progetto di laboratorio creativo svoltosi durante l’anno sociale in corso. Inoltre, la manifestazione è servita anche al visitatore, che ha percorso le strade del casale con la dovuta calma e lentezza, di scoprire una serie di scorci suggestivi, ed ammirare la splendida Torre di Teverolaccio innalzata nel secolo XVI. Particolarmente gradita, ad inizio manifestazione, la presenza del neo sacerdote don Domenico Belardo che ha celebrato la Santa Messa, affidando al Signore Gesù tutti i volontari e i ragazzi diversamente abili dell’Associazione “Casa della Vita”.

Alla fine dello spettacolo teatrale, i ragazzi dell’Associazione, si sono esibiti anche in una performance di balli latino americano, guidati dai soci volontari Patrizia e Rita. In chiusura di serata si sono esibiti, con testi classici e popolari della musica napoletana, il gruppo della “Luna Rossa” di Orta di Atella. La splendida voce della cantante Maria Grazia Savoia, accompagnata dal famoso maestro di violino Giovanni Russo, dalla chitarra di Pasquale Patricelli, dalla voce di Peppe Iovane e dalle percussioni di Andrea Carboni ha deliziato il numeroso pubblico presente che ha accompagnato con entusiasmo e partecipazione la performance del gruppo.

Una delle prime volontarie del centro di accoglienza Assunta De Angelis (opera in Associazione da circa 20 anni), visibilmente soddisfatta ed emozionata così commenta: “Ancora una volta mi sono resa conto, che riceviamo dai ragazzi molto di più di quello che doniamo. L’entusiasmo e l’amore dei ragazzi è contagioso e ti aiuta a superare tutte quelle difficoltà quotidiane che si incontrano nel mondo del volontariato”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico