Home

Mondiali, Argentina batte di misura la Nigeria. Maradona show

MaradonaNella seconda giornata del Mondiale due debutti importanti: quello dell’Argentina guidata da Maradona contro la Nigeria, e quello dell’Inghilterra di Capello, che in serata affronta gli Usa.

Apertura con la Grecia sconfitta nettamente 2-0 dalla Corea del Sud. Poi l’Argentina batte solo 1-0 la Nigeria: tanto gioco ma poca concretezza. Risolve Heinze nel primo tempo, Milito entra nell’ultimo quarto d’ora.

ARGENTINA-NIGERIA. La vittoria è venuta, ma con molta più fatica del previsto. Maradona debutta sulla panchina mondiale dell’Argentina e dà spettacolo, come la sua squadra in campo. Ma Messi e compagni raccolgono molto meno del gioco prodotto e devono accontentarsi del gol di testa di Heinze al 6′ del primo tempo, mentre la Nigeria nel finale (quando Oba Oba Martins entra in campo al posto di Obinna) sfiora più volte il pari. L’ex Pibe de oro lancia Milito solo nell’ultima quarto d’ora al posto del confuso Higuain e negli ultimi cinque minuti il romanista Burdisso al posto di Di Maria per coprire la difesa dalle folate africane. Da Veron la solita geometria a centrocampo, ma manca lo spunto di Messi, che cerca più volte il gol senza trovarlo. Da Tevez e Mascherano un buon compitino, ma nulla di più, dietro Samuel è una sicurezza. Argentina certamente forte, ma da rivedere. E a Maradona l’incarico di trasformare un’enorme potenzialità in azioni concrete.

COREA DEL SUD-GRECIA. Undici furie rosse travolgono i resti di ciò che una volta (sei anni fa) fu la squadra campione d’Europa. La Corea del sud travolge 2-0 la Grecia, con un risultato che va anche un po’ stretto agli asiatici, vista la quasi nullità della formazione guidata dal tedesco Rehhagel. Le due reti sudcoreani arrivano allo stesso minuto, il settimo, del primo e del secondo tempo: la prima con Lee Jung-soo, la seconda con Park Ji-sung, la stella del Manchester United. Pessima soprattutto la difesa della Grecia, mentre l’attacco non è mai stato in grado di creare una palla-gol. Nella ripresa il ct Rehhagel lascia capitan Karagounis negli spogliatoi, una mossa che però non produce alcun effetto.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico