Gricignano

Nuovo Puc, il 10 giugno si approvano le linee guida in Consiglio

Andrea LettieriGRICIGNANO. Gricignano si prepara a voltare pagina in ambito urbanistico. Giovedì 10 giugno, alle 10.30, si terrà la seduta del Consiglio comunale con all’ordine del giorno l’approvazione delle linee guida del Puc (Piano urbanistico comunale, ex Prg).

All’attenzione dell’Assise sarà sottoposto il documento elaborato dall’Ufficio tecnico comunale, in cui è stato tenuto conto dei pareri espressi dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Andrea Lettieri, nonché da partiti, associazioni e tecnici locali con i quali nei mesi scorsi si sono tenute alcune riunioni.

“Sono ormai passati oltre quindici anni dall’approvazione del vigente Piano regolatore. – si legge nel documento – Il nuovo Puc si propone come strumento in grado di coordinare e indirizzare le dinamiche complesse di sviluppo del territorio. Si mira alla valorizzazione, alla tutela e alla gestione intelligente del patrimonio ambientale, storico e insediativo”.

Tra i punti fondamentali nel nuovo Puc, troviamo: la semplificazione burocratica; pre-regolamentazione di tutti gli interventi che potrebbero essere inseriti all’interno del piano; creazione di appetibilità economica, per l’attrazione sul territorio di investimenti pubblici e privati, che allo stesso tempo aumentino la qualità urbanistica, l’abitabilità del territorio e la qualità della vita; la creazione di zone poli-produttive che permettano l’aggregazione degli artigiani e degli investitori locali; la proposizione di poli tematici, sanitari, tecnologici, commerciali, ricreativi, direzionali, culturali, etc.; la valorizzazione del sito della chiesa di Santa Maria a Piro; la realizzazione di un museo per accogliere i reperti archeologici trovati durante gli scavi della Us Navy, affinché ritornino nel luogo originario di ritrovamento, ristabilendo e valorizzando il rapporto tra territorio e storia; miglioramento della viabilità ordinaria; potenziamento della stazione ferroviaria; incentivazione di interventi volti al risparmio energetico; salvaguardia delle aree verdi presenti nel tessuto urbano esistente; la non modificazione, se possibile, degli indici esistenti nelle zone di attuale completamento ed espansione; rendere possibile il recupero del centro storico con incentivazioni varie.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico