Italia

Omicidio Meredith non fu premeditato

Amanda Konx, Raffaele Sollecito e Meredith KercherPERUGIA. Non c’è preterintenzionalità nell’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher.

Lo scrivono i giudici della Corte d’Assise di Perugia nelle motivazioni della sentenza di primo grado con la quale sono stati condannati Amanda Knox e Raffaele Sollecito rispettivamente a 26 e 25 anni. Precedentemente era stato processato con rito abbreviato anche Rudy Hermann Guede condannato a 30 anni di reclusione divenuti 16 poi in appello.

Nelle 427 pagine, i giudici parlano di “un quadro complessivo e unitario, senza vuoti e incongruenze che comporta come esito necessario e strettamente consequenziale l’attribuzione dei fatti reato ipotizzati a entrambi gli imputati, ma non un delitto premeditato”. Nelle motivazione firmate dal presidente della Corte Giancarlo Massei e dal giudice Beatrice Cristiani, si afferma inoltre che Amanda è stata condannata ad un anno in più di carcere per il reato di calunnia poiché “accusò liberamente Patrick Diya Lumumba di avere ucciso Meredith e l’accusò nella consapevolezza dell’innocenza dello stesso Lumumba”.

I tre condannati dal carcere si continuano a proclamare innocenti ed totalmente estranei alla vicenda ma non secondo i giudici che scrivono che “il movente fu di natura erotica sessuale violento che, originatosi dalla scelta del male operata da Rudi, trovò la collaborazione attiva di Amanda e Raffaele”. L’omicidio della giovane studentessa inglese, quindi, non era stato programmato ma nella deposizione dei magistrati perugini si parla di “contingenze meramente casuali che andarono a saldarsi, le une con le altre, creando una situazione che, nella combinazione dei vari fattori, resero possibile i delitti in danno di Meredith: Amanda e Raffaele che improvvisamente si trovano senza alcun impegno; incontrano casualmente Rudy Guede e si trovano insieme a questo nella casa di via della Pergola dove proprio quella sera, tra il primo e il 2 novembre del 2007, Meredith è sola. Anche il comportamento – si legge – posto in essere nei confronti di Meredith dopo le violenze e l’assassinio commessi è consistito nell’averne ricoperto il corpo senza vita evidenzia, oltre a un sentimento di pietà verso la vittima, il rifiuto e quindi una sorta di pentimento per quanto commesso: rifiuto e pentimento affidati a un tale gesto di pietà. Amanda e Raffaele – scrivono i giudici – parteciparono attivamente all’azione delittuosa di Rudy finalizzata a vincere la resistenza di Meredith, a soggiogare la volontà e consentire a Rudy di sfogare i propri impulsi lussuriosi. La prospettiva di aiutare Rudy nel proposito di soggiogare Meredith per abusarne sessualmente, poteva apparire come un eccitante particolare che, pur non previsto, andava sperimentato”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico