Trentola Ducenta

Raccolta rifiuti, Bertolaso chiede scioglimento di 9 comuni

Guido BertolasoTRENTOLA DUCENTA. Sono ben nove i comuni che secondo il sottosegretario all’Emergenza Rifiuti Guido Bertolaso dovrebbero essere sciolti per gravi inadempienza nella raccolta dell’immondizia.

I sindaci di Giugliano, Nola, Aversa, Casal di Principe, Casaluce, Castelvolturno, Maddaloni, San Marcellino e Trentola Ducenta non avrebbero adempiuto, secondo Bertolaso, alle norme per contrastare l’abbandono incontrollato lungo le strade di rifiuti solidi urbani e di rifiuti speciali, e per tale motivo dovrebbero essere rimossi dal loro incarico e sostituiti dai commissari prefettizi.

La richiesta di Bertolaso è stata comunicata al ministro dell’Interno Roberto Maroni annunciando che non è escluso che nei prossimi giorni “il sottosegretario formuli al ministro competente richieste di scioglimento di giunte comunali o di rimozione del sindaco per altri Comuni, in particolare della provincia di Napoli”.

Bertolaso, infatti, ha informato che sono state riscontrate gravi e reiterate inadempienze nelle attività di competenza per la raccolta dei rifiuti: “Il provvedimento rientra tra le misure previste dal decreto legge 172/2008 per i territori in cui vige lo stato di emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti e si sarebbe reso necessario in quanto gli effetti delle inadempienze da parte dei Comuni rendono più difficoltoso il percorso volto al definitivo superamento dello stato di criticità che per oltre 15 anni ha interessato la regione. L’impegno del Governo, – sottolinea- ha reso possibile l’apertura delle discariche e del termovalorizzatore di Acerra, che funziona a pieno ritmo nel rispetto della normativa ambientale europea, garantendo lo smaltimento dei rifiuti prodotti in Campania ed assicurando quel ciclo integrato dei rifiuti che presuppone anche un ruolo attivo da parte degli enti locali. Le richieste formulate al Ministro dell’Interno – prosegue Bertolaso – sono motivate in particolare dall’inerzia delle amministrazioni locali nel contrastare l’abbandono incontrollato lungo le strade di rifiuti solidi urbani e di rifiuti speciali, anche ingombranti. I provvedimenti fanno seguito alle numerose diffide formulate dalla struttura del sottosegretario, e rimaste senza esito, nei confronti dei nove Comuni, ai quali la normativa attribuisce gli interventi di rimozione e avvio a smaltimento dei rifiuti abbandonati al fine di scongiurare situazioni di degrado e pericolo nel territorio comunale di pertinenza”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Unable to load Tweets

Condividi con un amico