Capua - Grazzanise - Vitulazio - Camigliano - Pastorano - S.Maria la Fossa

Tutela filiera agroalimentare, audizione in Senato

Antonio Papa SANTA MARIA LA FOSSA. Si svolgerà martedì 20 ottobre, presso il Senato della Repubblica, un’audizione dinanzi alla commissione congiunta Agricoltura e Lavoro dove si tratterà della tutela della filiera agroalimentare e zootecnica.

L’audizione è stata richiesta e promossa dall’Unione dei Comuni (Caserta SudOvest). I sindaci dell’Unione dei comuni che saranno presenti si faranno latori della grave crisi che si è abbattuta su tutta la filiera agro alimentare di Terra di lavoro e segnatamente del Basso Volturno, dove insistono l a stragrande maggioranza degli allevamenti bufalini e che è da sempre considerata zona di produzione della mozzarella di bufala.

Saranno tre i sindaci ad intervenire: il sindaco di Grazzanise Enrico Parente, che traccerà le linee guida, le motivazioni che hanno portato l’Unione dei Comuni a chiedere l’audizione davanti alla Commissione congiunta del Senato; il sindaco di Falciano del Massico Giulio Cesare Fava che tratterà delle problematiche legate all’emergenza della brucellosi, mentre il sindaco di Santa Maria La Fossa Antonio Papa (nella foto) illustrerà la problematica legata alla diossina.

La situazione della filiera di produzione dell’oro bianco… (che ha fatto confluire in zona tutta l’immondizia della provincia di Napoli e Caserta), è oramai al collasso. Molti sono, infatti, gli allevatori che, anche a seguito della politica degli abbattimenti dei capi bufalini (decretata al fine di debellare la brucellosi), hanno deciso di svendere le aziende sull’orlo del fallimento. Ma qual è la finalità di questa richiesta di audizione? “Vogliamo chiedere un provvedimento normativo urgente in materia – risponde il sindacoAntonio Papa – che stabilisca quali siano gli interventi da fare per tutelare tutta la filiera e soprattutto i livelli occupazionali. Sono, infatti, 17 mila i lavoratori che sono impiegati direttamente nel settore, mentre si possono quantificare in 90 mila le unità dell’indotto: praticamente il settore dà lavoro a mezza provincia di Caserta”. “Lo Stato ci deve dire che cosa vuole fare di questo territorio”, tuona Papa. “Se vuole che in questa zona sia ripristinata la filiera agroalimentare, secondo quella che è la sua naturale vocazione, e allora, si deve procedere alla bonifica integrale del territorio. Oggi noi ci troviamo sopra una vera e propria ‘bomba ecologica’. – dichiara preoccupato il sindaco di Santa Maria la Fossa – Non si può pensare di spostare l’immondizia nel vicino territorio di San Tammaro… poi si incendiano le eco balle (per autocombustione) e si deve procedere, di nuovo a tutti i controlli sui livelli di diossina nel raggio di tre chilometri, chiudendo nel frattempo le aziende bufaline. Se lo Sato vuole che sia sostituita alla filiera agroalimentare la filiera dell’immondizia, ce lo dicesse chiaramente – continua Papa – così che noi possiamo attrezzarci per la produzione di energia elettrica”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico