Italia

Garlasco, la perizia medica scagiona Stasi

Alberto Stasi PAVIA. Un punto a favore di AlbertoStasi nel processo sulla morte di Chiara Poggi, uccisa il 13 agosto 2007 nella sua abitazione di Garlasco, in provincia di Pavia.

Dopo in filmato girato dalla parte civile in casa della vittima, che dimostrerebbe come il giovane avrebbe potuto avere il tempo di compiere materialmente l’omicidio e fuggire in biciclettala mattina in cui è avvenuto il delitto, a migliorare la posizione dell’imputato arriva la perizia medico-legale del professor Lorenzo Varezzo.

Secondo l’esperto “non è valutabile con precisione l’epoca della morte se non affermando che essa avvenne nel corso della mattinata”. Per quanto riguarda l’aggressione, questa è avvenuta, secondo Varezzo,”almeno in due fasi cronologicamente ben distinte” e l’episodio “potrebbe essersi protratto… anche per alcune decine di minuti”.

Stasi, allora fidanzato di Chiara,aveva affermato che la mattina del delitto era al computer perlavorare alla sua tesi e, secondo indiscrezioni, nella perizia dell’esperto informatico, non ancora depositata, tra le 9.36 e le 12.20 effettivamente il giovane sarebbe stato davanti al pc.

In un altro punto, la perizia ritiene che il materiale biologico di Chiara rinvenuto sui pedali della bicicletta sequestrata a Stasi “potrebbe essere costituito da qualunque tipo di tessuto riccamente cellulato” e quindi non è detto che sia il sangue della vittima. Inoltre, Stasi poteva avere le scarpe pulite pur essendo stato sulla scena del delitto in quanto le macchie di sangue avrebbero potuto disperdersi sull’erba bagnata.

La perizia è stata disposta dal gup Stefano Vitelli per chiarire alcuni tasselli fondamentali della dinamica del delitto della 26enne. Tutte le relazioni richieste devono pervenire al giudice entro il 14 ottobre prossimo: dopo gli approfondimenti riprenderà il processo con il rito abbreviato. L’ora della morte è un elemento che potrebbe rivelarsi chiave per dimostrare l’innocenza o la colpevolezza dell’unico imputato.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico