Cesa

Convenzione Comune-Provincia: scontro in assise. Opposizione lascia l’aula

Pino Sarpo e Stefano VerdeCESA. Un consiglio comunale breve ma intenso, quello che si è svolto, questa mattina, presso la sala convegni della scuola elementare.

Opposizione e maggioranza sono finite ai ferri corti tanto che il gruppo di centrodestra, capeggiato da Pino Sarpo, ha abbandonato l’aula consiliare. Pomo della discordia è stato il secondo punto all’ordine del giorno riguardante la presentazione dello schema di convenzione tra il comune di Cesa e la Provincia di Caserta per la concessione, in uso gratuito, dell’immobile in piazza Aldo Moro da destinare alla sede distaccata dell’Istituto Professionale Alberghiero di Aversa.

Il gruppo di opposizione, infatti, prima che iniziasse l’Assise ha chiesto al sindaco Vincenzo De Angelis il rinvio dell’argomento poiché, a loro avviso, sussisteva la necessità di studiare in maniera più approfondita la convenzione. Come ha sottolineato Stella Guarino: “C’è bisogno di apportare modifiche come l’inserimento di accordi bilaterali riguardanti, ad esempio, alcuni servizi relativi alla vivibilità dei cittadini”. Di fronte a tale richiesta, il primo cittadino ha optato per la votazione, che ha visto il parere favorevole dei soli membri dell’opposizione. Chiamato in causa, visto l’argomento in discussione, è intervenuto l’assessore alla Pubblica Istruzione Stefano Verde che ha parlato di un atteggiamento “miope” da parte dell’opposizione “ogni qualvolta si cerca di fare qualcosa di buono per la comunità”.

“Oggi – ha detto Verde – siamo stati chiamati a votare su un atto fondamentale per la nostra società poiché, con la venuta di un istituto superiore nel nostro paese, si prospetta un cambiamento che si basa sullo sviluppo sociale e culturale. Nei confronti di questo progetto – ha sottolineato l’assessore – ho notato molto provincialismo. Un comportamento come quello assunto oggi dai membri dell’opposizione denota, fondamentalmente, una mancanza di volontà davanti ad una scelta doverosa. L’Amministrazione si può dire soddisfatta di essere riuscita a portare a Cesa un istituto superiore e si farà carico delle responsabilità che ne derivano poiché decisioni del genere – ha concluso Verde – sono come le giocate al superenalotto: al momento della vincita non ci si guarda indietro per vedere i numeri giocati ma ci si concerta soprattutto sul risultato ottenuto”.

Diversa la posizione del gruppo di minoranza che chiedeva un rinvio di qualche giorno per migliorare lo schema di convenzione: “Si trattava di un tempo massimo di quattro giorni, non mi sembra così grave. – ha spiegato il capogruppo Pino Sarpo – La nostra era una richiesta fondata sulla volontà di studiare la convenzione in maniera più approfondita per apportare le dovute modifiche e migliorarla. Siamo stati sempre favorevoli al progetto dell’istituto alberghiero a Cesa – sottolinea il capogruppo del Pdl – e trovo, quindi, che l’arringa personale dell’assessore Verde sia stata del tutto fuori luogo. Il gruppo di opposizione, da me capeggiato, aveva chiesto un tavolo di discussione con i componenti della maggioranza per vagliar insieme questa convenzione a dimostrazione che da parte nostra c’è la massima disponibilità e, pertanto, la nostra non è una polemica contro la scuola. Purtroppo non possiamo far altro che notare per l’ennesima volta – conclude Sarpo – un atteggiamento frettoloso di quest’amministrazione che non è abituata a programmare le cose e si ritrova, come già accaduto, in ritardo con i tempi istituzionali”.

Il consiglio comunale si è così concluso in pochi minuti con l’approvazione e l’immediata eseguibilità dei punti previsti all’ordine del giorno; tra i quali, oltre allo schema di convenzione stipulato tra il comune e la Provincia di Caserta, c’erano le ratifiche di alcune delibere e variazioni di bilancio e la modifica del piano triennale delle opere pubbliche 2009-2011 e dell’elenco annuale 2009 nel quale dovrà essere inserito il progetto di restyling delle tre scuole presenti sul territorio. Il Comune, infatti, ha partecipato a un bando di gara con un progetto di 320mila euro, finanziati per il 50% dalla Regione Campania, che riguarderà la messa in sicurezza, l’abbattimento delle barriere architettoniche e l’installazione dei pannelli solari per gli edifici che ospitano la scuola dell’infanzia quella elementare e la media.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico