Home

Wrestling, Kurt Angle arrestato per stalking

Kurt AngleKurt Angle, medaglia d’oro ad Atlanta nella lotta libera e stella del wrestling professionistico, è stato arrestato dalla polizia della Contea di Robinson Township, cittadina della Pennsylvania.

Le accuse, nei suoi confronti, sarebbero di stalking, possesso di sostanze illegali, quali ormone della crescita, e guida con patente sospesa.

L’ex campione della Wwe, da qualche anno sotto contratto con la Tna (di cui detiene il titolo mondiale), avrebbe molestato la wrestler Rhaka Khan (vero nome: Trenesha Biggers), una delle “Knockout Girls” della federazione di Dixie Carter, con cui Angle aveva avuto una relazione dopo la separazione dalla moglie Karen. Ma anche la storia con la “collega” era finita.

Rhaka KhanCiò nonostante lui aveva iniziato a perseguitarla, tanto che un giudice aveva spiccato contro di lui un ordine restrittivo che lo obbligava a stare a “distanza di sicurezza” dalla ragazza: non poteva né seguirla, né telefonarla, né stazionare nei pressi della sua abitazione di proprietà dello stesso Angle. Il wrestler, però, sabato sera non avrebbe ottemperato all’ordinanza e sabato avrebbe seguito Rhaka Khan che, rifugiatasi in un bar, ha chiamato la polizia.

Fermato, durante la perquisizione gli agenti, oltre ad accertare che aveva la patente scaduta, hanno rinvenuto all’interno della sua vettura fiale e siringhe che, come risultato dalle analisi, contenevano somatotropina, il cosiddetto “Sgh”, un ormone della crescita. Angle si è difeso, dicendo che non stava seguendo l’ex fidanzata ma anche stava cercando un albergo visto che lei vive a casa sua e lui non ha dove andare. Per quanto riguarda le sostanze, ha di essere in possesso di una prescrizione medica.

Alla fine, è stato rimesso in libertà su cauzione, martedì dovrà comparire dinanzi al giudice della Contea. Dovrebbe partecipare regolarmente al match dello spettacolo in pay per view “Hard Justice” del 16 agosto quando dovrà difendere il titolo in un match a tre contro Sting e Matt Morgan.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico