Italia

Ddl sicurezza, il governo autorizza la fiducia

Roberto MaroniROMA. Per il disegno di legge sulla sicurezza si potrebbe ricorrere alla fiducia. Lo ha deciso il Consiglio dei ministri, anche se, come ha spiegato il ministro dei Rapporti con il Parlamento, Elio Vito, non è detto che tale ipotesi venga concretizzata.

“Il ddl sicurezza prima si approva e meglio è. Chiederemo che sia posto in votazione con la fiducia subito, il prima possibile”, ha detto il ministro dell’Interno, RobertoMaroni.

Intanto, la Camera ha di nuovo rinviato ancora l’inizio dell’esame e delle votazioni sugli emendamenti al ddl sicurezza. L’Aula di Montecitorio ha votato a favore dell’inversione dell’ordine dei lavori proposta dal vicecapogruppo del Pdl, Italo Bocchino.

Secondo il quotidiano dei vescovi italiani, Avvenire, ricorrere al voto di fiducia sul disegno di legge sulla sicurezza sarebbe “un grave errore” e “in grado di rivaleggiare con quello che si potrebbe considerare il peccato d’origine del ddl”. “Un sistema di norme – si legge in un editoriale – che tende a proporre allo straniero immigrato in Italia una sorta di percorso a ostacoli da superare per restare in questo Paese piuttosto che regole chiare verso un’integrazione da ricercare per convenienza e per convinzione”.

Ieri, ricordiamo, la maggioranza ha fatto dietrofront sulla norma relativa ai “presidi-spia” accogliendo la richiesta del presidente della Camera Gianfranco Fini. Al termine di una riunione fiume di maggioranza, il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ha annunciato che “per iscriversi alla scuola dell’obbligo non sarà necessario presentare il permesso di soggiorno. Pertanto i presidi non potranno sapere se la famiglia dello studente è clandestina e non potranno fare la spia”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico