Teverola

Gli slogan della maggioranza “rivisti” da Improta

Raffaele ImprotaTEVEROLA. A poco più di un mese e mezzo dalle elezioni amministrative, la maggioranza guidata dal sindaco Biagio Lusini ha “tappezzato” Teverola con una serie di maxi-manifesti zeppi di slogan, privi di simboli di partito, ma comunque utili per avviare la campagna elettorale.

Ma ad ognuno di questi slogan il coordinatore del Pdl, Raffaele Improta, dà la sua interpretazione, non lesinando attacchi all’amministrazione uscente.

Il primo slogan è “Costruire una città amica dei bambini”. “In 15 anni di i governo cittadino per i bambini non è stato fatto nulla, niente spazi verdi pubblici attrezzati né parchi giochi”.

“Sprechi e consumi energetici, da chi amministra il buon esempio”. “L’importante – dice Improta – è non prendere esempio dall’amministrazione in carica, basta pensare alle due termoelettriche realizzate nel nostro comune senza alcun ristoro per i cittadini, che dei risparmi indotti dal loro utilizzo non hanno beneficiato neppure per un euro sulle bollette”.

“Cultura d’impresa: con noi i giovani talenti possono farcela”. “Quali sarebbero i giovani che ce l’hanno fatta grazie alla ‘cultura d’impresa’ dell’amministrazione?” si chiede Improta che segnala “i tanti giovani disoccupati teverolesi che non hanno trovato inserimento nelle attività avviate sul territorio”.

“Salvaguardare l’ambiente è l’impegno che continua nella concretezza”. “Se l’ambiente di cui si parla è quello cementificato allora l’amministrazione in carica è di sicuro la migliore garanzia perché assicura un’edilizia senza regole e abbondanti colate di cemento e dimostra la stessa incapacità di salvaguardare l’ambiente con mancati interventi su viabilità e inquinamento atmosferico”.

“Una città che non cura i propri anziani cancella il proprio passato e non ha futuro”. “Io aggiungerei – continua Improta – che non ricorda i danni prodotti da questa amministrazione di sinistra non solo ha vissuto male il passato ma è condannata a vivere peggio il proprio futuro, giovani o anziani che siano”.

Infine: “Solo insieme si può cambiare, aggregati a noi”. “Se davvero si vuole cambiare – conclude Improta – bisogna mandare a casa, dopo 15 anni, quest’amministrazione di centrosinistra incapace e miseramente fallita”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico