Italia

Stupro Caffarella, revocata ordinanza per rumeni: ma restano in carcere

Alexandru Loyos e Karol RaczROMA. Scarcerati i due rumeni, Alexandru Loyos e Karol Racz, accusati dello stupro di San Valentino al parco della Caffarella.

Il Tribunale del Riesame ha revocato l’ordinanza di custodia cautelare, accogliendo l’istanza dei legali difensori e respingendo la richiesta di conferma dell’ordinanza, emessa il 20 febbraio scorso, presentata dal pm Vincenzo Barba. Non si conoscono le motivazioni del Riesame, tuttavia è presumibile che i giudici abbiano tenuto conto dei risultati negativi del test del Dna: i prelievi compiuti sulla ragazzina di 14 anni vittima dello stupro, infatti, non avevano rilevato l’impronta genetica dei due romeni, ma altri due profili cromosomici.

I due romeni, comunque, restano in carcere. Racz è ancora sospettato per un’altra violenza sessuale, avvenuta a Primavalle, mentre Loyos è stato raggiunto da un altro ordine di custodia cautelare per il reato di calunnia e autocalunnia, in relazione alla confessione fatta e poi ritrattata durante l’interrogatorio sull’episodio della Caffarella.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Novate Milanese, incendio in un deposito rifiuti di carta da macero - https://t.co/QnM8eOeZuk

Mondragone, gara rifiuti deserta. Schiappa: "Come volevasi dimostrare!" - https://t.co/2owRRjVL7H

Migranti fatti scendere da un furgone della gendarmeria francese: l'ira di Salvini - https://t.co/ujf2wIungy

Spaccio di droga nel Varesotto col "permesso" della 'Ndrangheta: 15 arresti - https://t.co/Fn2nouiICz

Condividi con un amico