Sparanise - Pignataro Maggiore - Francolise - Calvi Risorta

Immagini e video inediti del campo di concentramento a Sparanise

Un immagine del convegnoSPARANISE. Un convegno interessantissimo quello tenutosi nella palestra delll’Itc “Galilei” sul Campo di Concentramento tedesco e sugli eccidi di Sparanise, Pignataro e Francolise.

Il professor Pino Angeloni della Seconda Università di Napoli, infatti, ha fatto vedere anche le immagini ed un video sul campo di concentramento nazista sparanisano.

Il video, rintracciato in America negli archivi americani, è del 16 gennaio 1944 e fa vedere “a volo d’uccello” il campo sparanisano allestito nei pressi della ferrovia. Nel video si vedono perfino le baracche di legno (ricordate dai testimoni), decine di ambulanze parcheggiate presso il campo ed un treno ospedale con un via vai di feriti. Un documento che è anche una testimonianza sconvolgente per non dimenticare.

Il professor Angelone nel suo intervento ha mostrato foto del 22 e 24 ottobre 1943 con gli inglesi che entrano a Sparanise attraverso Via Solimene, ma anche foto del 12 gennaio 1944 che testimoniano le macerie di un paese distrutto dai bombardamenti inglesi.

Molto belle le immagini dei bambini sparanisani che salgono su un treno ospedale americano, fermo sui binari della stazione. Una dozzina di foto e brevi film inediti. Molto interessanti anche le foto ed il breve film dei civili uccisi dai tedeschi all’ingresso del cimitero di Pignataro Maggiore. Cinque persone per sfuggire ai bombardamenti cercavano rifugio nel cimitero dove invece sono state uccise dai tedeschi. Nel filmato si vedono anche un bambino rinchiuso in una cassa ed un contadino con un cappio al collo.

E poi il film-documento relativo al bombardamento della Massaria Sangiovanni a Francolise. dieci civili uccisi dai tedesco nella loro casa. Il video rintracciato dal professor Angeloni nell’archivio britannico è raccapricciante. Ma il convegno è stato interessante anche per l’intervento delprofessorGianni Cerchia dell’Università del Molise il quale si è soffermato sull’origine del campo e sugli autori che ne hanno parlato.

Alla manifestazione hanno assistito affascinanti tutti gli alunni del Galilei, numerosi cittadini e diversi testimoni oculari. Sono intervenuti anche il sindaco di Sparanise Salvatore Piccolo, il presidente del Consiglio Comunale Salvatore Fattore, il professor Paolo Mesolella, autore del libro “La Guerra addosso”, il consigliere provinciale Amilcare Nozzolillo, il presidente provinciale dell’Associazione Reduci e Combattenti Teodosio Lepore, la Preside Antonella Mascagna e i testimoni oculari Salvatore Sangiovanni e Achille Aldo Sorvillo.

E’ stata una buona occasione anche per far conoscere i “Cunicoli” scavati dai tedeschi nei pressi della ferrovia, recentemente venuti alla luce, e per ricordare l’eroismo delle donne sparanisane che con il loro coraggio posto nel cercare di liberare i prigionieri dal campo hanno donato al paese il titolo di “Città” e la medaglia d’oro al merito civile.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico