Mondragone - Carinola - Falciano del Massico

I Verdi al sindaco Cennami: “E’ ora di scegliere”

VerdiMONDRAGONE. “Il fallimento della gestione in house dei rifiuti ci conferma nell’idea che amministrare non è lanciare annunci o ‘rappresentare operatività’ bensì è una capacità più complessa”.

Così i Verdi del circolo “A. Langer” di Mondragone. “Le scelte importanti, per una Città, hanno bisogno di un lavoro collettivo, di analisi meditate e di procedure corrette. Non servono atti d’imperio o cieca testardaggine. Siamo stati tra i primi a sostenere che la gestione municipalizzata dei rifiuti era inopportuna nel merito e impossibile tecnicamente. Inascoltati. Ma non importa. Peccato che l’Amministrazione abbia perso quasi 4 mesi dietro a chimere. Meglio sarebbe stato impiegarli a costruire una raccolta differenziata che non c’è”, ribadisce Giancarlo Burrelli, leader dei Verdi.

“Inoltre la scelta di continuare questo rapporto epistolare con Bertolaso, nella speranza di un assenso impossibile, rischia di creare un danno economico diretto ai cittadini. Infatti per questa Amministrazione è tempo di Bilancio previsionale e determinazione delle tariffe dei rifiuti, acqua e gas. Per i rifiuti, la mancata scelta di gestione ci mette a rischio commissariamento e nella impossibilità di stabilire il costo del servizio. Di conseguenza il costo della Tarsu, che i cittadini coprono al 100%, rischia di essere ancora più alto. A ciò si aggiunge la mancanza di introiti dalla differenziata che non c’è, guadagno che potrebbe ridurre o annullare la tassa, come in altri Comuni (es. Sant’Anastasia ecc). Ecco l’importanza di scegliere, di uscire dalle ‘nebbie’, di un colpo di reni dell’esecutivo e, principalmente, della sua maggioranza consiliare. Già alla presentazione delle linee programmatiche, sostenemmo l’assenza di una idea globale di Città e delle sue direttrici di sviluppo. Non vorremmo ripeterci. E, a giudicare dai primi segnali, non siamo ottimisti. Mondragone, e le sue componenti sociali, politiche e amministrative, sembrano abbandonate e prive di orientamenti. Come le nostre strade, ridotte a colabrodo, che ci costringono ad un percorso ad ostacoli, a schivare il pericolo, a sopravvivere alla precarietà. Troppo presto per una Amministrazione giovane, sulla quale tanti cittadini e forze politiche, come noi, avevano riposto speranze. Speranze legittime dopo nove anni di amministrazione di centrodestra che ha lasciato una Città sfibrata, dal punto di vista economico ed etico. Una Città che fu gestita da una classe dirigente di cui, proprio in questi giorni, si decidono le sorti giudiziarie, nella disattenzione e nel silenzio inquietante di troppi: politici, addetti ai lavori, società civile. Una città le cui flebili speranze rischiano di spegnersi nell’inedia generalizzata”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico