Aversa

Nuovo senso di marcia in via Raffaello: è caos

 AVERSA. Che l’innovazione porti inevitabili polemiche è un dato di fatto, ma l’innovazione apportata, o una sottospecie, alla centrale via Raffaello davvero si stenta a comprende.

Appena tre mesi fa il nuovo senso di marcia ha reso percorribile l’arteria sita nel Parco Argo dal senso contrario, ossia da via Botticelli a via Di Jasi. La ragione sostanziale: quella di eliminare l’ingorgo che si formava sulla salita di accesso adiacente all’ex Rendez Vous e far defluire meglio le auto in via Roma ed in via Garofano. Ma allora perché mai ad oggi la strada è diventata impraticabile? Auto in sosta selvaggia, ma soprattutto nessun tipo di regolamentazione dei parcheggi. Proprio in via Raffaello esiste un importante centro riabilitativo, che è visitato tutti i giorni da molti utenti. Ebbene, non esistono parcheggi per portatori di handicap, né corsie preferenziali, né altro tipo di delimitazione dedicata. Non è difficile vedere scene davvero raccapriccianti. Persone disabili costrette a parcheggiare in terza fila, e scansare le auto in transito o, cosa peggiore, i motocicli che sfrecciano senza tregua. Di certo, il nuovo senso di marcia non facilita tutto ciò. L’imbuto che si crea regolarmente sul tratto finale della strada porta a formare un serpentone a catena che arriva dalla parte opposta all’imbocco della strada. E proprio qui è ubicato un altro famoso e frequentato bar per giovani. Insomma, l’inferno in pieno centro. Allora ci si domanda: non è lecito studiare i luoghi e lo stato in cui versano prima di apportare qualsiasi modifica all’assetto iniziale? Domanda che dovrebbe avere risposta netta, ovunque, ma forse non nella città di Aversa.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico