Italia

Ecco a chi spetta la “Social Card”

Social CardSono già sessantamila le persone che hanno richiesto ed ottenuto la Social Card, la speciale Carta Acquisti che il Governo ha introdotto tra le misure a favore delle fasce deboli.

Spieghiamo con precisione a chi spetta, come ottenerla e in che modo può essere utilizzata. La Card spetta ai cittadini con più di 65 anni d’età e alle famiglie con figli di età inferiore ai 3 anni che abbiano un reddito fino a 6.000 euro. Per chi ha più di 70 anni, la soglia di reddito è di 8.000 euro. La Carta Acquisti si presenta come una normale carta di pagamento elettronico, come un bancomat per intenderci. A differenza di queste, però, le spese effettuate con la Carta Acquisti, verranno addebitate non al titolare della Carta, bensì direttamente allo Stato. La Carta potrà essere utilizzata per effettuare acquisti in tutti i negozi abilitati e si potranno anche avere sconti nei negozi convenzionati che sostengono il programma “Carta Acquisti”. Tramite la Carta, si potrà accedere direttamente alla tariffa elettrica agevolata. Vale 40 euro al mese, per le richieste effettuate prima del 31 dicembre, la Carta sarà inizialmente caricata con 120 euro, relativi ai mesi di ottobre, novembre e dicembre 2008. Successivamente, nel corso del 2009, la Carta sarà caricata ogni 2 mesi con 80 euro. Per avere la Carta acquisti occorre presentare una domanda. A tutti i possibili beneficiari è stata inviata una lettera con la spiegazione su come ottenere la Carta.

Questi i requisiti per averne diritto:

  • Cittadini e residenti in Italia.

  • Età tra i 65 e 69 anni e redditi o trattamenti pensionistici fino a 6.000 euro all’anno.

  • Età pari o superiore a 70 anni e redditi e trattamenti pensionistici fino a 8.000 euro all’anno.

  • Redditi personali tali da non comportare il pagamento di alcuna imposta.

  • Proprietari – da soli o insieme al coniuge – di una sola casa di abitazione.

  • Titolari – da soli o insieme al coniuge – di una sola utenza elettrica e di una sola utenza del gas.

  • Titolari – da soli o insieme al coniuge – di un solo autoveicolo.

  • Meno di 15.000 euro di risparmi in Banca, Poste etc. – da soli o insieme al coniuge.

  • La famiglia ha un indicatore ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) della situazione economica complessiva fino a 6.000 euro.

Requisiti di famiglie con bambini piccoli:

  • Figli sotto i 3 anni, cittadini e residenti in Italia (nel caso di più figli sotto i tre anni, gli accrediti si sommano).

  • Proprietarie di una sola casa di abitazione.

  • Titolari di una sola utenza elettrica a uso domestico.

  • Titolari di una sola utenza elettrica a uso non domestico.

  • Titolari di due utenze del gas.

  • Proprietarie al massimo di due autoveicoli-

  • Con meno di 15.000 euro di risparmi in Banca, Poste, etc.

  • Con un indicatore ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) della situazione economica complessiva fino a 6.000 euro

Per ottenere la Carta bisogna recarsi in un ufficio postale abilitato portando con se:

  • Modulo di richiesta (disponibile anche sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze) compilato in ogni sua parte con i relativi allegati (in particolare un’attestazione ISEE in corso di validità).

  • Originale e fotocopia del documento d’identità.

Nella generalità dei casi verrà consegnata subito una Carta Acquisti. Qualora non venisse consegnata subito il cittadino potrà scegliere se ritirarla successivamente nello stesso ufficio e se farsela recapitare a casa. La Carta, a meno di riscontri negativi nei database dell’Amministrazione sulle dichiarazioni effettuate nel modulo di richiesta, sarà utilizzabile già nel secondo giorno lavorativo successivo alla consegna. Per informazioni è stato attivato il numero Verde: 800.666.888.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico