Sant’Arpino

Ricerca, importanti riconoscimenti per Rita Carrino

Rita CarrinoSANT’ARPINO. Nuovi prestigiosi riconoscimenti per la giovane biologa santarpinese, Rita Carrino.

Nei giorni scorsi, infatti, la dottoressa atellana ha terminato con il massimo dei voti la Scuola di Specializzazione in Patologia Clinica presso la Seconda Università degli Studi di Napoli con una tesi sperimentale sull’ “Accreditamento Istituzionale dei Laboratori di Analisi, Gestione delle attrezzature e monitoraggio dei processi”. Nel proprio lavoro la Carrino ha sviscerato e analizzato le problematiche collegate alla gestione dei laboratori e all’affidabilità e agli standard in termini di risultati che essi si trovano a dover garantire. Uno studio che è stato unanimente apprezzato dalla commissione esaminatrice e che ancora una volta ha portato agli onori delle cronache la biologa di Sant’Arpino. Ovviamente grande soddisfazione c’è stata all’interno di tutta la comunità del centro alle porte di Aversa per i nuovi prestigiosi riconoscimenti in campo didattici ottenuti dalla Carrino che oltre ad essere molto impegnata dal punto di vista professionale, da tempo è impegnata nel sociale nelle associazioni di giovani medici e biologi e che a breve inizierà a dare il proprio contributo anche per la crescita delle nuove generazioni con una docenza all’interno del progetto “Amica Infanzia” del Comitato per i Diritti dell’Infanzia che a breve prenderà il via coinvolgendo i ragazzi in età scolare della comunità atellana. Ed è proprio il Presidente del Co.Di., Ernesto Capasso, a “complimentarsi per il nuovo brillante traguardo raggiunto dalla dottoressa Rita Carrino, che con grande piacere abbiamo invitato a partecipare ad uno dei laboratori che costituiranno il progetto “Amica Infanzia”. Siamo molto felici anche dell’entusiasmo con il quale la stessa biologa ha accettato la nostra idea consapevoli come siamo che anche grazie il coinvolgimento dei nostri giovani che tanto successo hanno in campo accademico e didattico possiamo far compiere quel salto di qualità alla nostra comunità che oggi appare tanto indispensabile. Ancora maggiore importanza riveste il fatto che persone come la dottoressa Carrino lavoreranno coi bambini, i quali potranno conoscere materie e ambiti come la biologia che per loro possono sembrare ancora dei mondi oscuri, ma che in realtà si dimostreranno molto affascinanti”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico