Sant’Arpino

Lo scrittore Solino plaude ai giovani santarpinesi

Ragazzi della terra di nessunoSANT’ARPINO. E’ stato presentato domenica 23 novembre, nella sala convegni del Palazzo Ducale Sanchez De Luna, il libro di Gianni Solino intitolato “Ragazzi della terra di nessuno”.

La presentazione è stata organizzata da Arci laboratorio culturale in collaborazione con l’associazione Meddis Onlus. Presenti per l’occasione, oltre all’autore del libro, l’assessore alla cultura Giuseppe Lettera e la pedagogista Santina Dell’Aversana. “Il mio ringraziamento – ha dichiarato Gianni Solino – va ai ragazzi delle associazioni che hanno reso possibile concretizzare questa iniziativa e far sì che potessi presentare qui il mio libro oggi. E’ per me motivo di orgoglio che ragazzi così’ giovani sia interessati al problema della camorra e che, soprattutto, si impegnino perché storie come quelle raccontate nel mio libro non si ripetano mai più”.

“Questa iniziativa – ha dichiarato l’Assessore Giuseppe Lettera – rientra in un percorso di legalità già intrapreso qualche mese fa con il convegno organizzato, sempre dall’Arci, sulla costituzione italiana tradotta nelle varie lingue del mondo. Un’iniziativa lodevole a cui la nostra amministrazione, retta dal Sindaco Di Santo, ha dato sostegno e che speriamo possa davvero risvegliare le coscienze. Bisogna parlare proprio di risveglio – ha continuato Lettera -. perché le nostre coscienze sembrano ormai assuefatte al problema della camorra e ad un fenomeno dilagante che fa parte della nostra vita quotidiana. E’ importante, invece, oggi più che mai sensibilizzare le famiglie, le scuole e tutte le istituzioni affinchè questo problema, che non è così lontano da noi come sembra, possa essere affrontato e speriamo risolto. E sono soprattutto i giovani, come ci ha fatto notare l’autore del libro, che devono prendere in mano la situazione ed affrontare il problema anziché nascondersi dietro un’apparente normalità. Sono i giovani che devono lottare perché quella che sembra la normalità venga smascherata perché il futuro possa essere migliore di quanto lo sia il presente. Il mio plauso e quello dell’intera amministrazione comunale – ha poi concluso l’Assessore – va a Gianni Solino per la semplicità e la delicatezza con le quali nel suo libro è riuscito ad affrontare un problema così serio e per essere riuscito a descrivere con estrema semplicità, attraverso storie vere ma poco conosciute, come la camorra possa distruggere i sogni e i progetti di un popolo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico