Italia

Udine, uccisa la compagna dell’erede Calligaris

carabinieriUDINE. E’ giallo sull’omicidio di Tatiana Tulissi, 37 anni, trovata morta ieri pomeriggio, intorno alle 18.30, nella sua villa sulle colline di Manzano, nell’udinese.

La donna conviveva con Paolo Calligaris, 38 anni, nipote del re delle sedie Alessandro Calligaris e figlio di Walter, titolare della tenuta agricola “Ca’ Tullio” di Aquileia. E’ stato proprio il suo compagno, circa tre quarti d’ora dopo,a fare la macabra scoperta ed avvertire i carabinieri.

La Tulissi, dipendente amministrativa di un’azienda della zona che costruisce sedie (non quella di Calligaris), è stata uccisa con tre colpi di pistola. Era appena rientrata dal lavoro quando è stata aggredita sull’uscio di casa. All’interno dell’abitazione era acceso il fuoco nel camino, quindi è probabile che la 37enne sia andata prima nella legnaia e, all’altezza dell’uscio, è stata sparata alle spalle, forse mentre tentava di fuggire.

Gli inquirenti escluderebbero la pista passionale, anche se è dubbia quella della rapina, infatti la casa era in ordine e non sembra sia stato rubato nulla. Il delitto potrebbe essere legato a vecchi rancori.

Tulissi era originaria di Villanova dello Judrio, frazione di San Giovanni al Natisone. Era separata e da circa due anni conviveva con Paolo Calligaris, anche questi separato e con due figli adolescenti dal precedente matrimonio, sembra che presto i due avessero intenzione di sposarsi.

Intanto, i carabinieri stanno setacciando a tappeto la tenuta (dove vivono, in altre abitazioni,anche il padre Walter e la sorella Monica), per risalire alla dinamica dell’omicidio, in particolare comprendere se l’assassino si sia fatto aprire il cancello, e quindi era un conoscente della donna, oppure se sia entrato di nascosto. Non sono stati trovati né l’arma né i bossoli, quindi sarebbe stata utilizzata una pistola a tamburo.

Interrogati il compagno Calligaris, l’attuale compagno della moglie di quest’ultimo e altre sei persone ritenute informate sui fatti.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico