Aversa

Un aversano insignito del Premio “Scudi di San Martino”

AVERSA. Un aversano verrà insignito, il prossimo 15 novembre, nella suggestiva cornice della Sala dei Cinquecento del Palazzo Vecchio di Firenze, del prestigioso riconoscimento degli “Scudi di San Martino”.

Si tratta del sottufficiale dell’Arma Aeronautica Francesco di Virgilio che lo scorso settembre s’è visto assegnare, dalla commissione giudicatrice del sodalizio toscano, l’importante nomina.

Un premio di indubbio valore per il militare da sempre spronato dal suo superiore, Tenente Colonnello Vincenzo Andretta comandante del 5° gruppo M.V. e da sempre convinto assertore che le migliori tradizioni di Forza Armata, impongano che oltre a provvedere ai suoi compiti istituzionali debba essere vicina alle esigenze umanitarie e dare, sempre, il suo contributo alla solidarietà a cui in particolare l’Arma Azzurra è sempre attenta.

Il riconoscimento al giovane maresciallo aversano arriva dall’Istituto “Scvdi di San Martino”, associazione nata a Firenze nel 1983 con precisi scopi sociali, che ogni anno premia con l’attribuzione degli “Scvdi” d’argento e di bronzo, nonché con attestati di benemerenza, persone ed enti che si sono particolarmente distinti per atti di generosità e solidarietà umana: tra i premiati “storici” dell’Istituto troviamo Madre Teresa di Calcutta, i vigili del fuoco di Chernobyl e di New York, l’organizzazione premio Nobel “Medici Senza Frontiere” e l’associazione “Telefono Arcobaleno”.

Le motivazioni per il prestigioso riconoscimento sono da ricercarsi nell’attività sociale di Di Virgilio, delegato del Comitato Provinciale Unicef di Caserta, che per l’anno 2007 ha presentato un corposo “Bilancio Sociale” con numerosi progetti umanitari portati a termine ed altre lodevoli iniziative messe in cantiere.

Tra le tante iniziative ricordiamo il progetto “primo diritto vivere” che visto l’istituzione di una settimana dei ragazzi che ha dimostrato «l’importanza di costruire città amiche dei bambini, per istituire un sistema di governo locale impegnato ad attuare i diritti dei bambini, vista la rapida trasformazione e urbanizzazione della società globali e le crescenti responsabilità dei governi locali»

Di Virgilio è stato, inoltre, presente in diverse scuole a parlare dei diritti dell’ infanzia e dell’adolescenza. In particolare si è soffermato sul grave problema dei “Bambini Soldato” che ogni anno vede impiegati più di 300.000 bambini nei conflitti armati

Di particolare rilievo è, infine, il progetto IN.FOR.MA.RE, Osservatorio per l’Informazione e la Formazione sulle Malattie Respiratorie nonché per combattere l’obesità infantile, ideato e realizzato appunto da Francesco Di Virgilio in rappresentanza dell’Unicef Caserta, in collaborazione con il comune di Teverola e l’Asl CE2, nonché col patrocinio morale della Regione Campania e della Provincia di Caserta.

In concreto il progetto prevede un pool di consulenti e di medici gestirà questa iniziativa fornendo assistenza e consulenza pediatrica a favore dei bambini e degli adolescenti portatori di malattie respiratorie o in sovrappeso, in modo da tutelare la salute e garantire loro una migliore qualità della vita. A tal proposito il progetto In.for.Ma.Re, ha aderito al progetto “Occhio alla salute ”, studio per la valutazione dello stato nutrizionale, l’attività fisica ed il tipo di alimentazione dei bambini

Tirando le somme l’onoreficenza a Francesco Di Virgilio riempe d’orgoglio la cittadina normanna per un esempio di “fare concreto” in zone tristemente note per altri motivi. (inviato da Michele Docimo)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico