Campania

“Fareambiente” propone educazione ambientale nelle scuole

Francesco Della CorteEducazione all’ambiente e alla sicurezza come materia di studio nelle scuole di ogni ordine e grado. Questa la proposta di iniziativa legislativa presentata nei giorni sorsi alla Camera dei deputati dal Movimento ambientalista europeo Fareambiente.

La proposta, che vede il suo primo firmatario nell’onorevole Fabio Granata, è stata presentata in un’apposita conferenza a Montecitorio dal presidente nazionale di Fareambiente, il professor Vincenzo Pepe, affiancato dal coordinatore regionale della Campania avvocato Francesco Della Corte, unitamente al coordinatore della provincia di Caserta, dottor Gennaro Caserta, ed al dirigente regionale, avvocato Angelo Grillo. Presenti nella circostanza il sottosegretario all’ambiente Roberto Menia, il sottosegretario all’Economia Nicola Cosentino, l’onorevole Agostino Ghiglia della Commissione Ambiente, l’onorevole Donato La Morte della Commissione Giustizia, l’onorevole Arturo Iannaccone e l’onorevole Luigi Cesaro. Molte le adesioni e le testimonianze di apprezzamento, arrivate per l’occasione dal mondo scientifico e della cultura. Il professor Pepe, docente in diritto dell’ambiente, oltre che presidente del sodalizio ecologista, ha inviato una lettera al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio, al Ministro dell’Istruzione e al Ministro dell’Ambiente, con la quale ha chiesto un forte impegno affinché, sin dalla ripresa dell’anno scolastico, lo studio dell’educazione all’ambiente ed alla sicurezza sia introdotto nelle scuole di ogni ordine e grado e abbia pari parità rispetto a tutte le altre discipline. “L’iniziativa di Fareambiente – dichiara il coordinatore regionale Francesco Della Cortesi ascrive alla consapevolezza di un necessario salto di qualità nella formazione e nell’opera di divulgazione di una sana cultura ambientale. Presupposto indefettibile per garantire alle future generazioni un mondo salubre ed al riparo dal cancro dell’inquinamento e dello sconvolgimento degli ecosistemi”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico