Campania

Diossina, intervista al tossicologo Antonio Marfella

Antonio MarfellaNAPOLI. Secondo i dati ufficiali della procura sammaritana più di 2500 siti della Regione Campania sono stati trasformati in discarica, legalmente o illegalmente. video

Discariche in cui, come dimostrato dalla magistratura, si sversa di tutto: dai rifiuti solidi urbani ai rifiuti speciali provenienti da industrie e ospedali, ad ogni tipo di sostanze tossiche, provenienti anche da fuori regione. In questo quadro di inquinamento ambientale ha senso parlare di allarme diossina nell’uomo? E se ha senso, quali sono i limiti di diossina che l’organismo umano più sopportare? E dopo averli superati che cosa succede? E per non superarli come e dove si può controllare il contenuto di diossina nel sangue? Quanto costa farlo e a chi tocca pagare? Al cittadino o allo Stato che, stando all’articolo 32 della Costituzione della Repubblica, dovrebbe “tutelare la salute come diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività e garantire cure gratuite agli indigenti”? Infine, in caso di livelli alti cosa fare per diminuirli? Per la glicemia alta si usa l’insulina per la diossina che cura c’è? Abbiamo posto le domande al tossicologo dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Napoli “Pascale”, Antonio Marfella, noto al pubblico televisivo per aver partecipato a Porta a Porta ed a Report. Le risposte nel video.

Guarda il Video

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, De Cristofaro respinge accuse su Eav, buche e luminarie: "Facciamo fatti nel rispetto delle norme" - https://t.co/Wn6kqhMTOC

Trentola Ducenta, trasferimento mercato: per opposizione c'è rischio sospensione e spreco denaro pubblico - https://t.co/77F2Pr6WGy

Aversa, cena di beneficenza alla Salumeria del Seggio con lo chef Gaetano Torrente - https://t.co/1MqrCe3HSz

Aversa, “La politica che serve”: incontro alla Maddalena di Millennials e associazioni https://t.co/eoHmUx4HAK

Condividi con un amico