Italia

“Lo faccio solo per il tuo bene”

ipocrisia“Lo faccio solo per il tuo bene”. Quante volte avete sentito questa frase trita e ritrita? Spero in pochissime occasioni. Poche perché, di solito, queste parole si accompagnano a gesti ed azioni che d’altruistico non hanno un bel niente, anzi.

Di solito chi pronuncia questa frase lo fa solo per fare del bene a se stesso, non certo agli altri. Che sia un parente, un amico o un semplice conoscente, poco importa, tutti lo fanno solo per il “loro” bene. Bisogna sempre rifuggire da chi si dichiara altruista nei confronti di un altro senza averne motivo. Nel 99% dei casi un motivo c’è e, quasi sempre, non è il raggiungimento del vostro bene. Il padre che “per il bene” della figlia la caccia di casa perché è rimasta incinta di un extracomunitario non lo fa per convincere la ragazza a scegliere un altro partito, ma solo perché è un razzista. I figli che “per il bene” dei genitori anziani li rinchiudono in un ospizio non lo fanno perché sono preoccupati per la loro cagionevole salute, ma solo perché sono egoisti e non vogliono averli tra i piedi, quando sarà il tempo di andare in vacanza. Gli automobilisti che agli incroci negano anche quei pochi centesimi ai bambini rom che chiedono l’elemosina, non lo fanno perché quei poveri innocenti in questo modo diventano improduttivi e, conseguentemente, non saranno più costretti a mendicare, ma solo perché sono dannatamente tirchi. Anche ai livelli più alti delle istituzioni ci sono persone che, giorno dopo giorno, compiono nefandezze per il “nostro bene”. I politici che decidono di far costruire una bella centrale nucleare nei pressi di casa tua, lo fanno solo per il tuo bene, per darti tanta buona energia “pulita”, mica per “papparsi” centinaia di miliardi di tangenti? I militari che d’improvviso escono dalle caserme per occupare i gangli vitali della società non lo fanno mica per fare un colpo di stato? No. Lo fanno solo per il bene della Nazione minacciata da qualche fantomatico nemico. I religiosi che costringono gli altri a comportarsi ed a vivere secondo i loro antichi dettami non lo fanno mica perché sono ossessionati dal potere? No. Lo fanno solo per salvare le nostre anime di “pecorelle smarrite”. E basta! Cari altruisti non vi sembra che sia giunto il momento che vi facciate finalmente un po’ i fatti vostri, lasciandoci in pace a lottare quotidianamente con i nostri problemi: immondizia, microcriminalità, costo della vita ecc. Come diceva Carlo Dossi: “Il falso amico è come l’ombra che ci segue finché dura il sole”. Ormai l’ipocrisia su questo pianeta la fa da padrone, forse è giunto il tempo che i beneficiari di tante “altruistiche” intenzioni facciano un po’ più d’attenzione a chi concedere la propria fiducia.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico