Campania

Adottato il Puc, Villa Literno diventa “città regionale”

Il PUC di Villa LiternoVILLA LITERNO (Caserta). Una data storica! L’approvazione della proposta di adozione del Piano Urbanistico Comunale decisa mercoledì sera dal Consiglio Comunale di Villa Literno rappresenta senza dubbio un riscatto del territorio rispetto a decenni di scarsa regolamentazione dello sviluppo urbano.

Contemporaneamente costituisce una spinta al futuro sviluppo di Villa Literno, che sempre più si pone come “città regionale”, pienamente inserita nel piano di sviluppo dell’area. Il territorio liternese rappresenta un ideale punto di congiunzione fra Campania e Lazio, fra entroterra e Litorale Domitio. Il Puc recepisce e si innesta in modo attivo nei provvedimenti sovracomunali: l’entrata in vigore della nuova legge regionale, la sottoscrizione dell’accordo di programma con la Regione e il Comune di Castel Volturno, l’entrata di una parte del territorio liternese nell’area di competenza del Parco Foce Volturno (Soglitelle), la presenza di Villa Literno nel Pit Domitio, l’accelerazione impressa dal Governo nazionale alla realizzazione dell’Aeroporto di Grazzanise. In tal senso, via Delle Dune è destinata a diventare un vero e proprio asse attrezzato di servizi fra i centri urbani di Villa Literno e Castel Volturno, a supporto della ripresa turistica della costiera domiziana. Per la prima volta, lo sviluppo è previsto non soltanto lungo assi paralleli alla costa ma anche lungo assi perpendicolari ad essa, come appunto via Delle Dune. Nella parte finale di questo asse, a ridosso della linea ferroviaria, è prevista la nascita del Campus Domitio, in merito al quale si stanno definendo le diverse funzioni a servizio dell’intero territorio regionale. Il Puc non solo pianifica e regolamenta la crescita urbanistica del territorio Liternese, ma ne definisce le direttrici di sviluppo, la sua funzione nell’ambito territoriale provinciale e regionale: un documento di pianificazione del territorio e del suo sviluppo economico. Il documento approvato in consiglio (relazione generale e cartografia, integrate con le osservazioni approvate) sintetizza l’ambizione strategica che punta a fare di Villa Literno quella parte di territorio provinciale a più alto tasso di sviluppo e di trasformazione integrata in ambito regionale. “A conclusione di questi processi che abbiamo avviato – ha dichiarato il Sindaco Enrico Fabozzi Villa Literno cessa di diventare ‘città di frontiera’ per diventare ‘città strategica’ e livello regionale e nazionale”. Ora si attende il nulla osta della Provincia dopo la verifica di conformità per la definitiva approvazione del Piano.

Articoli correlati

Villa Literno, il Consiglio approva il Puc di Redazione del 28/02/2008

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Il teatro come risposta al razzismo: i ragazzi del Liceo 'Massimo' di Roma in scena a Maiano di Sessa Aurunca - https://t.co/B6pk2ZbEXD

A Capri arrivano 100 scacchisti per il torneo internazionale intitolato a Lenin - https://t.co/R2LTiCIYy5

Strage di San Marco in Lamis: arrestato uno dei killer - https://t.co/uKHKewnXeh

Roma, ritrovati dipinti del '600 rubati ai Parioli - https://t.co/9bD7hw89N4

Condividi con un amico