Sant’Arpino

Farmacia, Savoia a Di Santo: “Solo attacchi personali”

Polemica sulla Farmacia ComunaleSANT’ARPINO. Per il sindaco Giuseppe Savoia parte con il piede sbagliato la campagna elettorale di Alleanza Democratica, guidata dal suo sfidante Eugenio Di Santo.

“Senza argomenti, né programmi, né idee questo spurio raggruppamento pseudo politico continua ad avvelenare il clima di questo paese”, afferma il primo cittadino, che poi interviene nella polemica della farmacia comunale: “Con una domanda retorica ed inutile sulla apertura della farmacia comunale Ad effettua un attacco ingiustificato sul piano personale a cittadini di Sant’ Arpino che hanno la sola ‘colpa’ di aver ricevuto incarichi (non da questa amministrazione) legati alla loro attività professionale. Per quanto riguarda la inutile e retorica domanda sull’apertura della Farmacia, gli autori ben sanno che a causa di ricorsi – che li hanno anche visti indiretti protagonisti – si è dovuto attendere il pronunciamento delle competenti autorità. Il giudizio definitivo del Consiglio di Stato si è avuto appena nel mese di settembre dello scorso anno. Subito dopo, si sono avviate le procedure burocratiche per l’apertura di questo importante servizio per i cittadini del nostro paese (in una zona territoriale indicata e votata dal Consiglio Comunale) e si prevede che entro alcuni mesi Sant’Arpino, grazie all’impegno e al sostegno di quest’amministrazione e nonostante intralci e ricorsi, avrà la Farmacia comunale che altri ‘interessi familiari’ hanno osteggiato”.

Circa le accuse di “mala amministrazione”, Savoia risponde: “Siamo di fronte ad un vecchio ed abusato ritornello: si fa riferimento sempre e solo alle solite, generiche, ossessive accuse (segretari, autisti, prebende, portavoce etc.) senza mai entrare nel merito di oggettive critiche rispetto a scelte e ad obiettivi realizzati, perché Alleanza Democratica sa che abbiamo operato in tutti questi anni nel pieno ed assoluto rispetto del programma politico-amministrativo concordato e del patto di stabilità economico previsto per legge dello Stato e, quindi, senza incorrere in abusi o sprechi del denaro pubblico. Non si comprende bene, infine, se Alleanza Democratica ritiene il Ciss un Ente benemerito quando, meritatamente, apre farmacie comunali a Gricignano, Castelvolturno etc, oppure un carrozzone di sprechi quando dà incarichi professionali di propria competenza ad appena 15mila euro lordi all’anno e, addirittura, a costo zero per il rappresentante nel consiglio di amministrazione che non ha percepito neanche un centesimo di euro”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico