Sant’Arpino

D”Errico a Di Santo: “La gente vuole i fatti”

Savoia con alcuni componenti della maggioranzaSANT’ARPINO. “Il consigliere Di Santo sostiene che attaccherei alla cieca. Allora, vediamo, un po’ come stanno realmente le cose”. Lo afferma l’assessore alla pubblica istruzione e alle politiche sociali Giovanni D’Errico.

Riceviamo e pubblichiamo le precisazioni dell”esponente della giunta Savoia:

I servizi scolastici, compresa la mensa, sono per unanime riconoscimento tre i migliori di quest’ultimo decennio. Lo possono testimoniare i dirigenti scolastici ed il comitato delle mamme che effettuano il “monitoraggio” dei pasti;

– le politiche per i diritti dell’infanzia sono, anche qui per riconoscimenti trasversali ed istituzionali, all’avanguardia nell’intera provincia di Caserta. Il Codi ne è un esemplare modello che sarà preso ad esempio anche da altri comuni;

– la questione dei rifiuti : per far fronte all’emergenza, solo momentaneamente, sono contenuti, con tutte le necessarie cautele, negli “scarrabili” depositati presso il campo sportivo. Di Santo avrà letto o sentito l’appello da parte di più Istituzioni, compresa quella del Commissario De Gennaro, a collaborare, facendo anche qualche sacrificio nei propri territori per togliere i rifiuti dalle strade? Noi, tra l’aver la “monnezza” estesa per tutto il territorio o confinarla per breve tempo presso il campo sportivo, abbiamo scelto il male minore! Se Di Santo ha qualche buona idea non ci dispiacerebbe poterla prendere in considerazione;

– il ripetitore di linea 3 è nella norma e rispetta i parametri della legge “Gasparri”. Ricordiamo anche che, sull”inquinamento elettromagnetico, la nostra attenzione è costante per evitare danni alla salute del cittadino e al paesaggio. E siamo sempre disponibili ad accogliere, ove ve ne fossero, idee e suggerimenti tesi a migliorare la situazione e a non ad alimentare sterili polemiche;

– per la questione del mercato settimanale Di Santo conosce bene, per avere avuto responsabilità in Giunta, l’odissea di questi anni e sa anche che la questione si potrà risolvere solo con l’attuazione del Piano triennale. Allo stato l’attuale soluzione è l’unica possibile. Poi, anche, qui se Di Santo ha qualche idea migliore per eliminare il “fastidio” del mercato settimanale saremmo ben lieti di confrontarci;

– presso il Poliambulatorio di Sant’Arpino esistono, si sottolinea esistono, i servizi per le seguenti branche specialistiche: Cardiologia, Chirurgia, Dermatologia. Geriatria, Neurologia, Fisiatria, Pneumologia, Oculistica, Urologia, Odontoiatria, Ortopedia, Otorinolaringoiatria;

– inoltre, a Sant’Arpino, e solo a Sant’Arpino, operano in più le seguenti branche specialistiche: Pediatria, Ginecologia, Neuropsichiatria infantile, Psicologia, Consultorio Materno-infantile, Screening della Cervice Uterina, Screening della patologia mammaria, Ecografia internistica, Ecografia ginecologica e mammaria (con strumenti, mammografo ed ecografo, tra i più moderni presenti nell’Azienda Sanitaria locale);

– e ancora, presso il Poliambulatorio sono rimaste tutte le attività di ufficio storiche: anagrafe, scelta e revoca, prenotazione telematica e CUPT, esenzione ticket per reddito etc.; poi, Di Santo dovrebbe sapere che nel territorio dell’Unione dei Comuni Atellani ( Orta di Atella, Sant’Arpino, Cesa, Succivo, Gricignano di Aversa), tutti ricompresi all’interno dell’Asl Ce – Aversa, vanno collocati altri servizi per il bacino di utenza dell’agro atellano e servono anche ad eliminare o ridurre le code di attesa. E o no un potenziamento?

– Il centro di prevenzione ginecologica non è la stessa cosa del Consultorio e non è una foglia di fico, ma un servizio reale in più per i cittadini di Sant’Arpino e non solo.

E con questo, per quanto ci riguarda, riteniamo chiusa la polemica. I lettori ed i cittadini di Sant’Arpino sono persone troppo intelligenti per non capire chi “attacca alla cieca” e chi “è bravo nella politica del nulla”, chi fa “chiacchiere”e chi “fatti”.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Teano, marijuana occultata tra alberi di prugne: 4 arresti - https://t.co/cckfHilTXI

Milano, 14enne muore soffocato: l'ombra del "blackout", gioco estremo sul web - https://t.co/nuvzb6pMPY

"Bruciamo i migranti", condannati a 6 mesi senza Facebook e a leggere libri - https://t.co/8nuJSnj6lr

Badanti casertani scomparsi in Sicilia: disposte nuove indagini - https://t.co/Ri86zZAN8K

Condividi con un amico