Italia

Lavoro, Bonanni: “O risposte concrete del governo o sciopero”

Angeletti, Bonanni, EpifaniROMA. “Invece di parlare continuamente di riforme lontanissime dai veri bisogni della gente si intervenga sulle urgenze reali, che sono: più salario, più occupazione, più capacità di competere”.

Lo afferma Salvatore Bonanni, leader della Cisl, nel commentare il discorso di fine anno del presidente Napolitano, il quale ha toccato l’argomento del lavoro. Parole dure che vogliono essere da sprono alla trattativa tra governo e sindacati. Un primo incontro è previsto per l’8 gennaio. Sono 6 milioni e mezzo i lavoratori in attesa di rinnovi contrattuali: statali, metalmeccanici, lavoratori del commercio, dipendenti delle ferrovie, giornalisti, personale di alcuni settori dell’energia e delle manifatture. Senza dimenticare alcune categorie, come enti locali e sanità pubblica, che non hanno ancora visto rinnovato il biennio economico 2004-2005 nonostante l’accordo governo-sindacati del maggio scorso che portò aumenti medi mensili pari a 101 euro nel pubblico impiego. Il ministro del Lavoro, Cesare Damiano, riferisce l’obiettivo del governo: aumento dei salari e tutela del potere d’acquisto dei lavoratori dipendenti, in particolare per i redditi medio-bassi. Ma i sindacati vogliono concretezza, come spiega lo stesso Bonanni: “Il 2008 deve essere l’anno per una vera riforma contrattuale e su questo dobbiamo impegnarci tutti, compresa la classe dirigente italiana”. E il segretario della Cisl avverte: “L”8 gennaio avremo il primo incontro con il governo. O c”è una soluzione presto, una definizione della partita, o andremo allo sciopero generale”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico