Italia

Sciopero autotrasportatori, Italia nel caos

Sciopero degli autotrasportatoriLe strade italiane nel caos per lo sciopero degli autotrasportatori che, come annunciano le rappresentanza sindacali, si protrarrà fino a venerdì.

Al governo chiedono una migliore regolamentazione sui costi d’impresa, regole sulle tariffe e l’eliminazione dell’abusivismo e, dunque, della concorrenza sleale. Inoltre, protestano contro l’aumento sproporzionato l’indebitamento delle imprese, dei costi del lavoro, costi del gasolio e dei pedaggi autostradali. Per martedì è in programma una riunione presso il ministro dei Trasporti, tuttavia lo stop viene confermato. Ma dal presidente della Commissione di Garanzia, Antonio Martone, arriva un avvertimento: “I sindacati degli autotrasportatori devono rispettare il codice della strada altrimenti nei loro confronti scatteranno sanzioni”. Il segretario nazionale della Conftrasporto, Pasquale Russo, sottolinea come abbiano aderito allo sciopero il 90% degli autotrasportatori italiani: “Le aziende ferme – commenta Russo – sono più di 130 mila, evidentemente a differenza di quanto pensava il ministro non è solo una minoranza della categoria a contestare le sue scelte. A questo punto ci aspettiamo che il governo prenda atto della reale situazione di difficoltà in cui versa il settore e fornisca risposte adeguate alla categoria”. Intanto notevoli sono i disagi provocati dallo sciopero. A cominciare da quelli sulle autostrade, per la presenza dei tir fermi sulla carreggiata: sull’A1 Milano-Napoli bloccate le stazioni di Anagni, Caianello e Caserta Nord, nonché la barriera di Roma Nord; altre code sulla A3 Napoli-Salerno, sulla A4 Milano-Brescia, sulla A7 Genova-Serravalle e sulla A 14 Bologna-Taranto all’altezza di Val di Sangro. 500 tir sono fermi tra la barriera autostradale e l’autoporto di Ventimiglia. Problemi anche alle vie marittime: bloccato l’accesso agli imbarcaderi per la Sicilia di Villa San Giovanni; in Sardegna paralizzati i porti di Olbia, Porto Torres e Cagliari. Problemi anche per i consumi: il rischio è quello che l’Italia nei prossimi giorni resti senza benzina e con poche scorte alimentari, per via dei mancati rifornimenti, soprattutto in questo periodo natalizio dove si registrano aumenti delle vendite.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico